Primo morto a Hong Kong, 425 in totale. Nave da crociera in quarantena in Giappone

HuffPost
Coronavirus

Hong Kong registra il primo decesso per il coronavirus, mentre sale a 425 il numero dei morti in Cina. In Giappone una nave da crociera con migliaia di persone a bordo è stata posta in quarantena per la presenza di almeno un passeggero contagiato. A Macao chiusi i casinò.

La Cina aggiorna il bilancio. La Commissione sanitaria nazionale porta a 425 il numero dei morti da coronavirus, che si aggrava di 64 nuove vittime ieri solo nella provincia di Hubei, dove si trova Wuhan, città epicentro del focolaio. Sono intanto oltre 20mila le persone contagiate in tutto il Paese. Intanto 635 contagiati sono stati dimessi dagli ospedali.

Scatta l’isolamento precauzionale anti-coronavirus in due città della provincia cinese orientale dello Zhejiang: si tratta di Taizhou e di ben tre distretti della capitale Hangzhou, inclusa l’area che ospita il quartier generale del colosso dell’e-commerce Alibaba. Secondo le autorità locali, solo una persona per famiglia sarà autorizzata a uscire una volta ogni due giorni per comprare i beni di prima necessità. Le zone interessate dalla stretta agli spostamenti conta più di 9 milioni di persone. Secondo la Commissione sanitaria nazionale cinese, dopo l’Hubei, lo Zhejiang è tra le province col maggior numero di contagi accertati, superiori alle 700 unità. Wenzhou ne conta 340 casi e Hangzhou ne ha 132, secondo i media locali. Il timore è quello di diventare un nuovo focolaio, come Wuhan.

 

 

Un morto a Hong Kong, nel caos tra scioperi e controlli. Il primo decesso, confermato dalla Hospital Authority, cade nel mezzo delle proteste del personale medico che ha iniziato un pacchetto di 5 giorni di sciopero contro il rifiuto del Governo locale di chiudere la frontiera con la Cina per contenere il coronavirus. Una situazione che ha portato anche i servizi ospedalieri di emergenza a finire sotto pressione per carenza di personale, tanto da risultare “gravemente colpiti”, sempre secondo la Hospital Authority, che ha...

Continua a leggere su HuffPost