Primo Piano - da quotidiani

Sam

Roma, 27 ago. (askanews) - Il tema delle complicate trattative tra M5S e Pd per tentare di formare un nuovo governo, protrattesi fino alla tarda serata di ieri, monopolizza i titoli dei principali quotidiani italiani.

Il Corriere della Sera parla delle "Tensioni sul nuovo governo". "La discussione su programmi, nomi e ruoli di un possibile nuovo governo Conte - scrive il Corsera - è apparsa difficile. Tanto che la discussione tra le delegazioni di Pd e M5S è stata aggiornata a oggi. Tra i nodi da sciogliere c'è il ruolo di Di Maio, che punta a restare vicepremier". Sul quotidiano milanese Massimo Franco commenta: "Con prudenza, molta diffidenza e una forzata rapidità, si sta delineando una maggioranza tra M5S e Pd guidata dal premier dimissionario. Ma resta un'incognita pesante sul significato che il Movimento di Grillo e il partito di Zingaretti vogliono attribuirle".

Più scettico sul buon esito della trattativa il quotidiano La Repubblica che titola "Crisi di un governo mai nato". Secondo Repubblica, Di Maio ha alzato la posta e oltre alla riconferma del premier uscente vorrebbe per il M5S il Viminale e il commissario Ue. "Di sicuro nessuno ha perso il sonno per definire il programma dell'esecutivo nascituro - commenta Stefano Folli -: ci si è concentrati invece sui nomi, come sempre accade quando il vero nodo riguarda la spartizione del potere".

La Stampa invece, dà per certo l'ok al Conte-bis: "Intesa su Conte battaglia sui vice", spiegando che il Pd punta ad averne uno tra Orlando o Franceschini, i 5Stelle che ne vorrebbero uno anche per loro, mentre ci sarebbe stato un vero scontro sulla possibilità che Di Maio vada al Viminale. "Ma il governo che dovrebbe nascere sulle ceneri dell'esecutivo più breve e sgangherato della storia della Repubblica - si dice sicuro Andrea Malaguti -, sarà guidato da un sempre più autonomo Avvocato del Popolo".

Anche per il Sole24Ore sarebbe caduto il veto del Pd su Conte: "Intesa M5S-Pd su Conte. Ora si tratta su nomi e nuovo programma", titola il quotidiano economico.

Sulla stessa linea il Quotidiano Nazionale: "Accordo Pd-M5S, Conte premier". "Conte verso il bis", titola Avvenire, mentre Il Fatto Quotidiano sceglie un più cinematografico "Conte 2, la vendetta".

Scatenati i giornali di riferimento dell'area di centrodestra: "Fine delle manfrine, perdenti al Governo", titola Il Giornale; per Libero "La frittata è pronta, per M5s e Pd nozze d'interesse". Più articolato il giudizio del Foglio: "Un Governo sbagliato per una causa giusta". "La maggioranza rosso-gialla è pericolosa - scrive il direttore Claudio Cerasa -, ma ha un'autostrada per combattere il salvinismo senza fare danni all'Italia".