Primo piano - dai quotidiani

Red/rus

Roma, 21 ott. (askanews) - "Manovra, resa dei conti nel Governo". E' questo il titolo di apertura del Corriere della Sera che racconta le fibrillazioni nell'esecutivo in vista del Consiglio dei Ministri di oggi.

Di Maio, spiega il Corriere, continua a tenere alta la tensione sulla manovra approvata "salvo intese". E fa sentire la pressione al premier: "Senza i 5 Stelle il governo non esiste". Un avvertimento in vista del vertice di maggioranza previsto per oggi. Conte tenta di raffreddare gli animi e invita tutti a "darsi una calmata" . Renzi nel giorno di chiusura della Leopolda lancia un appello ai delusi di Forza Italia: "Venite con noi". Mentre il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, replica: così viene meno l' interesse a proseguire con chi fa il furbo. E il sindaco di Milano Sala attacca Boschi: imita Salvini.

In un retroscena sul Corriere della Sera, si spiega per Di Maio la flat tax al 15% non si tocca. E Conte, che sulle prime era favorevole a rosicchiare quattrini al popolo delle partite Iva, è rassegnato al dietrofront. D' altronde la modifica non è una sua battaglia, è stata studiata al ministero dell' Economia dal terzetto Gualtieri, Misiani, Castelli e adesso toccherà a via XX Settembre rimetterci le mani per placare il M5S... Anche su una "cosa simbolica" come le multe ai commercianti che non usano il pos, Conte ritiene non sia il caso di alzare barricate.

A un passo dal burrone - con Di Maio che, per vie traverse, gli rinfaccia di aver ingaggiato "una campagna personale sull' evasione2, cercando i riflettori ed esagerando con le interviste - Conte ha capito che bisogna frenare. Il premier spronerà la sua squadra a lasciarsi alle spalle il fardello di litigi, veti e sospetti e a ripartire con il piede giusto. "Dobbiamo tutti calmarci e parlarci di più, non sui giornali o dai salotti televisivi - è il monito che il presidente sta mettendo a punto, dopo essersi consultato anche con Zingaretti e i ministri del Pd - Dobbiamo evitare contrapposizioni e stare uniti, altrimenti fare le cose che abbiamo promesso sarà impossibile". Il richiamo di Conte è rivolto in particolare a Renzi, ma risponderà anche agli acuti di Di Maio, con il quale la competizione ha raggiunto livelli da allarme rosso.

Su "Repubblica", Ezio Mauro pubblica un'anticipazione di "Giudizio Universale", il nuovo libro di Gianluigi Nuzzi dedicato alla crisi finanziaria del Vaticano che sta "crescendo e allargandosi a tutte le strutture della Santa Sede, è arrivata ad evocare il fantasma finale, quello del sacro default. Ne parlano ufficialmente, nei loro documenti riservati, i responsabili della task force che papa Francesco ha messo in campo per tentare una riforma radicale del sistema finanziario che sostiene la Chiesa, davanti all' allarme per i conti fuori controllo. Il crac è diventato un incubo concreto nei sacri palazzi, perché i numeri parlano chiaro: e senza i mezzi per sostenere l' opera di evangelizzazione e per soccorrere i poveri, il Verbo risuonerebbe nudo nel mondo, pagando il prezzo degli scandali e della resistenza che la macchina curiale continua ad opporre alla trasparenza predicata da Papa Bergoglio". La radiografia segreta di questa crisi verticale è ora in un libro di Gianluigi Nuzzi ( Giudizio Universale , Chiarelettere), che continua la sua indagine sui misteri del Vaticano, sulla base di documenti riservati.