Primo piano - dai quotidiani

Plg

Roma, 13 ago. (askanews) - Tutti i giornali stamane si occupano della crisi di governo.

"Scontro sul voto, riapre il Senato": è il titolo di apertura del Corriere della Sera che scrive: "Crisi di governo, è scontro sul voto. La presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati ha deciso di lasciare all'Aula, convocata oggi alle 18, il voto sul calendario e i prossimi passi della crisi. Movimento Cinque Stelle e Pd protestano per la convocazione d'urgenza. Matteo Salvini sul ritiro dei ministri sottolinea di essere pronto a tutto. Luigi Di Maio dice no a un tavolo con Matteo Renzi". In evidenza poi le proteste a Hong Kong: "Ieri una massa di giovani contestatori ha occupato l'aeroporto, rendendo impossibile il transito dei passeggeri: tutti i 180 voli sono stati cancellati. I contestatori si distinguono per una benda". In prima pagina anche la notizia dell'aggressione, ieri a Milano, di una donna di 65 anni da parte di un immigrato 31enne regolare del Bangladesh. "Ferita a bottigliate in centro a Milano. 'Scelta a caso'". L'uomo è stato arrestato per tentato omicidio.

"Insieme per forza contro Salvini": anche "Repubblica" apre sulla crisi, evidenziando l'appuntamento di oggi per le 18 a Palazzo Madama, "con la battaglia per la calendarizzazione della crisi. Sul tavolo la decisione della data in cui Giuseppe Conte debba andare in aula per svolgere le sue comunicazioni sulla crisi di governo. Da una parte il 20 agosto voluto dall'asse inedito tra Partito democratico e Movimento 5 Stelle, dall'altro il 14 agosto, cioè domani, invocato dal centrodestra unito: Lega, Fdi, Forza Italia". "La nave dei ragazzini senza famiglia": di spalla "Repubblica" si occupa dell'emergenza migranti: ci sono "almeno cento ragazzini raccolti dalla norvegese Ocean Viking, tra loro due bimbi di 3 e 4 anni. Open Arms da 13 giorni in mare".

"Prima sberla a Salvini: nasce la maggioranza M5S-Pd-LeU": così apre "Il Fatto quotidiano", per il quale il "vero ribaltone" è quella della Lega che torna con Berlusconi. "Il Giornale" parla di "trattativa occulta" e titola a sua volta: "Il segreto tra Pd e 5 Stelle": la sinistra si offre di salvare Di Maio in cambio vuol mettere le mani sull'elezione del prossimo presidente della Repubblica, mentre il centrodestra torna unito e dice: subito alle urne.