Primo piano - dai quotidiani

Sen

Roma, 20 dic. (askanews) - Temi di politica interna e l'attentato terroristico a Mosca dominano le prime pagine dei quotidiani in edicola oggi.

"Se cade il Governo si vota". Il Corriere della sera, in prima pagina propone un'intervista al segretario del Pd, Nicola Zingaretti. "Dopo la caduta di questo governo, che abbiamo fatto bene a far nascere, sarebbero inevitabili le elezioni - spiega Zingaretti -. Sono convinto che ci siano tutte le condizioni per andare avanti. Ma ci vuole una comune volontà politica. Fino ad ora abbiamo ottenuto alcuni risultati importanti e la prima missione è compiuta: evitato l'aumento delle tasse e la bancarotta; avviato l'approvazione di una buona manovra di bilancio; garantito più giustizia e investimenti in settori strategici, pur nelle difficili condizioni date. Ora occorre definire meglio le priorità , un piano di azione concordato e di più ampio respiro. La priorità assoluta è riaccendere l'economia, dare sostanza allo sviluppo green e alla rivoluzione digitale, investire nella scuola e la conoscenza, accelerare sugli investimenti semplificando l'Italia, impostare e lanciare nuove strategie di politica industriale, mettere cioè al centro l'impegno per il lavoro e la giustizia sociale e ambientale. L'appuntamento che Conte ha indicatoèper gennaio. Vedremo. Il Pd ci arriverà preparatoecon le idee chiare, forse l'anima che tanto cerchiamo è mettere finalmente al centro il futuro di nuova generazione, che coincide con il futuro dell'Italia".

"Attentanto agli 007 mentre parlava Putin", titola poi il Corriere sull'attentato di Mosca. "Paura a Mosca. Sparatoria in piazza della Lubjanka, sede dei servizi segreti. Un uomo ha aperto il fuoco con un kalashnikov uccidendo un ufficiale e ferendo cinque agenti. Colpito a morte anche il killer. Non si esclude la pista del terrorismo. L'attentato mentre parlava Putin".

"Mai più in scatola". Repubblica sceglie di aprire oggi con una lettera dei fondatori del movimento delle sardine. "Lettera a Repubblica dei quattro fondatori - si legge -: 'Diventare partito sarebbe un oltraggio a ciò che è stato e che potrebbe essere. Torneremo liberi nelle piazze, perché siamo rimasti sdraiati per troppo tempo'. Nave dei migranti, abuso di potere per Salvini. Conte: decise lui".

"Scatta l'allarme dei Servizi 'Fuori i cinesi dalla rete 5G'". Titola La Stampa. "Ma i grillini ribattono: basta il decreto sul cyber Gli americani: fare attenzione al testo delle leggi". "L'ultimatum del Copasir - spiega il giornale -: i cinesi vanno estromessi dal 5G. La sicurezza è più importante del business. Nel mirino Huawei e Zte. La replica: accuse motivate da ragioni geopolitiche. Il plauso di Washington. Conte al bivio prende tempo. Ma i 5 Stelle non si arrendono: ci tutela già il golden power".

"Vergogna grillina Di Maio ominicchio", titola invece Il Giornale che ha una prima pagina tutta politica. "Ora il leader del M5S accoltella Salvini. Aveva detto: processateci tutti Immigrati, i giudici con Carola: può tornare in mare".

"Bancari e medici, contratto di Natale per 410mila addetti". Il Sole 24 Ore sceglie invece di aprire con il rinnovo dei contratti per due importanti categorie. "Sotto l'albero di Natale, medici e bancari trovano il rinnovo del contratto di lavoro - si legge -. In totale risultano coinvolti circa 410mila lavoratori. I sindacati di medici, veterinari e dirigenti sanitari del Servizio sanitario nazionale hanno firmato il Contratto della dirigenza medica e sanitaria 2016-2018. Confermato l'aumento di 200 euro lordi al mese, da gennaio, per 130mila professionisti del Ssn. Accordo anche tra l'Abi e i sindacati per il rinnovo del contratto nazionale dei bancari, che interessa 282mila lavoratori. L'intesa sull'ipotesi di accordo prevede un aumento di 190 euro sulla figura media con sette scatti di anzianità. L'aumento sarà erogato in tre tranche. Introdotto il diritto alla disconnessione".