Primo piano - dai quotidiani

Red/rus

Roma, 28 ott. (askanews) - "Salvini trionfa, colpo al Governo" è il titolo di apertura del Corriere della Sera che come tanti altri quotidiano dedica grande attenzione alle elezioni regionali in Umbria e alle ripercussioni sul Governo.

In un retroscena sul quotidiano di via Solferino si spiega che La sconfitta annunciata è una débacle, che va al di là delle previsioni più nere e che costringe l' intero governo a prestare ascolto all'"avviso di sfratto", scandito da Salvini da ogni piazza umbra. "Affermare che "non è un voto sul governo", adesso non basta più. La resistenza non può essere questa. Il premier - per quanto abbia provato a separare le sorti dell' Umbria da quelle di Palazzo Chigi, per scongiurare una crisi in piena sessione di bilancio - esce indebolito dal primo test politico. Il fattore Conte non ha portato valore aggiunto all' alleanza M5S, Pd, Leu. E ora in gioco non c' è solo la tenuta del governo, c' è la costruzione di una coalizione per il futuro, che tenga insieme, alle prossime Regionali e oltre, gli ex acerrimi nemici che oggi lo sostengono". "Sarebbe un errore - difende il progetto Conte - interrompere questo esperimento per via di una Regione che ha il 2% della popolazione nazionale". Di Maio archivia a razzo l' alleanza: mai più. Conte al contrario insiste: "Se avessi voluto fare campagna elettorale avrei girato porta a porta un mese, 24 ore al giorno".

Sui quotidiani grande attenzione anche per Al Baghdadi "Morto da codardo" titola "Repubblica riportando le parole di Trump. "Gli Stati Uniti hanno fatto giustizia. Il leader del terrorismo mondiale Abu Bakr al Baghdadi è morto". Donald Trump annuncia in diretta tv all' America e al mondo la più grande vittoria della sua presidenza. Nei panni solenni del Commander-in-Chief, Trump afferma: "Da oggi il mondo è più sicuro. I cani dei nostri militari hanno inseguito il piagnucolante fondatore dell' Isis in fondo a un tunnel, dove questi si è fatto esplodere con due moglie e tre figli".