Primo piano - dai quotidiani

Vep

Roma, 27 gen. (askanews) - Tutte dedicate ai risultati delle elezioni Regionali in Emilia Romagna e Calabria e alle loro implicazioni sulla politica nazionale le aperture dei principali giornali italiani. Ma si analizza anche quale effetto potrà avere la crisi del Movimento Cinquestelle.

Per il Corriere della Sera "Bonaccini vince, il Pd ferma Salvini" e così, spiega un retroscena all'interno del giornale, "Conte adesso si sente più saldo": è stato "sconfitto l'uomo degli slogan" che pensava di dare "una spallata al governo" e si deve andare avanti in questo modo perchè "governando bene l'Italia batteremo Salvini e i sovranisti nel 2023".

Per Il Fatto quotidiano "Sardine e 5S spingono Bonaccini" e si spiega come "nelle prime ore della notte a Palazzo Chigi cominciano a respirare" ma "comunque vada il governo dovrà vedersela con gli sgambetti di Renzi&C" sui dossier più urgenti: la riforma della prescrizione e la concessione ad Autostrade.

Repubblica titola "Salvini, la prima sconfitta" riferendo, in un retroscena, le sue considerazioni: "Ho fatto di tutto, ma ero solo". Il quotidiano romano osserva che "adesso per il segretario leghista la partita si complica", è "un leader zoppo e intanto dovrà cedere all'alleata Giorgia Meloni e al suo Raffaele Fitto la Puglia per la quale voleva piazzare un suo uomo".

Per La Stampa "Bonaccini batte la Lega" per la quale si tratta della "prima frenata" con il "fallimento" dell'assalto al governo e un retroscena racconta che ora il premier Giuseppe Conte punta sull'alleanza stabile Pd-M5s. Infine, Il Giornale titola "Grillini affumicati - Le sardine si mangiano i Cinquestelle".