Primo sì del Parlamento spagnolo all'eutanasia

·2 minuto per la lettura

AGI - La Camera spagnola ha approvato una legge che consentirà il suicidio assistito e l'eutanasia per i pazienti che soffrono per malattie incurabili o condizioni permanenti ritenute insopportabili. Il testo ha avuto l'appoggio delle forze di sinistra che appoggiano il governo e di alcuni altri partiti, mentre il Partito Popolare e l'estrema destra di Vox hanno votato no. Ora la proposta di legge passerà al Senato, che si prevede la approvi.

Alcune decine di persone, con addosso la maschera di Salvador Dalì indossata dai protagonisti della "Casa di carta", hanno protestato fuori dal Parlamento. Gruppi di sostenitori della legge hanno invece festeggiato per le strade di Madrid. "Come società, non possiamo rimanere impassibili di fronte al dolore intollerabile sofferto da molte persone", ha detto il ministro della Salute, Salvador Illa, ai parlamentari. 

Cosa prevede il testo

La legge consentirà ai medici, sia della sanità pubblica che delle strutture private, di assistere i pazienti che desiderano morire in virtù di "una malattia seria e incurabile" o di una "condizione debilitante e cronica" che l'interessato giudica "insopportabile". Il paziente deve confermare quattro volte in un mese il desiderio di morire: due volte in forma scritta a distanza di due settimane, una terza volta dopo un colloquio con un medico e una quarta volta subito prima di ricevere il farmaco letale, che sarà somministrato da un medico assistito da un supervisore esterno.

Le richieste dovranno essere approvate da un consiglio di supervisione regionale e potranno essere inoltrate solo da adulti residenti in Spagna capaci di intendere e di volere. Ai medici sarà consentita l'obiezione di coscienza.

La Spagna segue così le orme del Portogallo, il cui parlamento ha approvato lo scorso febbraio una legge simile che non è ancora entrata in vigore e potrebbe essere ancora bloccata dal presidente. L'eutanasia, ovvero la somministrazione di un farmaco letale operata da un medico, è finora legale solo in Belgio, Canada, Colombia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Svizzera. In alcuni Stati Usa è consentito il suicidio assistito, ovvero il paziente che desidera morire può assumere da solo il farmaco letale sotto supervisione medica.