Principe Filippo cosa fa oggi dopo il ritiro: ecco come sta

Condizioni di salute del Principe Filippo: cosa fa dopo il ritiro

Il principe Filippo, consorte della Regina Elisabetta II, è in ottime condizioni di salute nonostante si sia ritirato dalla vita pubblica. In molti, però, si chiedono cosa succederà alla sua morte. Come al solito, a darci una risposta è il protocollo reale, che ha sempre le idee molto chiare su ogni avvenimento di corte.

LEGGI ANCHE: -- Meghan Markle e il compito gravoso dopo la morte della Regina: l'ultimo desiderio che dovrà esaudire per la Regina Elisabetta dopo la sua morte 

A 98 anni, il Duca di Edimburgo vive ora a Sandringham House, nella contea inglese di Norfolk, dove si gode le corse di cavalli e i giardini della residenza reale. Le condizioni di salute del principe Filippo sono in realtà ottime, ma in vista della sua possibile morte sono già in vigore alcuni preparativi.

Per la morte del Duca di Edimburgo il protocollo dispone un preciso programma

Innanzitutto, a confermare l’eventuale notizia potrà essere solo la tv pubblica britannica, la BBC, con l’obbligo di non diffonderla prima delle 8 del mattino qualora il decesso avvenga di notte.

La cerimonia funebre prevista sarà ‘di Stato’, ma ovviamente più contenuta rispetto a quella in programma per la Regina Elisabetta, ma al Principe non verranno affatto negati gli onori militari. Quanto al luogo di sepoltura, inizialmente la salma sarà portata a Westminster Hall, per poi essere spostata nel posto che il Duca di Edimburgo avrà scelto in vita.

Il lutto per la morte di Filippo durerà almeno 8 giorni

Inoltre, la morte del Principe potrebbe portare alla sospensione di spettacoli ed eventi politici, economici o sportivi. Da questo punto di vista, la Regina dovrà osservare un periodo di lutto di 8 giorni, anche se la consuetudine estende questo periodo a circa un mese, nel corso del quale la Sovrana non presenzierà a nessun evento.

Tutto sembra già programmato quindi, anche se le buone condizioni di salute del Principe Filippo fanno pensare che l’effettiva attuazione di questo programma sia ancora molto remota.

Foto: Kikapress