Le migliori gaffe del Principe Filippo

Il Principe Filippo si è ritirato oggi (4 maggio 2017) dalla vita pubblica. Lo ha fatto a 95 anni, dopo tanti anni passati a rappresentare il Regno Unito in svariate manifestazioni e inaugurazioni – a fianco della Regina Elisabetta, sua consorte, oppure in solitaria.

Il Principe Filippo

Nell’ambito di alcune di queste occasioni, spesso lontane dal suolo natìo, Filippo Duca di Edimburgo ha regalato ai posteri una collezione impareggiabile di gaffes. I tabloid ci hanno ricamato su per anni e forse anche per questo Filippo è amato dai sudditi britannici: gli imbarazzi creati lo hanno reso più “umano” nonostante il ruolo ricoperto.

Ricordiamo dunque alcune gaffes e altre battute di spirito, frasi dette per la maggioranza delle volte con ingenuità disarmante. E con moti di ilarità degli ascoltatori!

State per vedere all’opera lo scopritore di targhe più esperto al mondo“, l’ultima in ordine temporale – il 3 maggio – a un’inaugurazione in un campo di cricket di Londra.

I bambini vanno a scuola perchè i genitori non li vogliono in giro per casa“. A Malala Yousafzai, la pakistana protagonista della campagna per il diritto della ragazze alla scuola, ottobre 2013.

Ci sono un sacco di suoi parenti qui stasera“, frase detta all’imprenditore indiano Atul Patel in ooccasione di un ricevimento per gli indiani britannici, ottobre 2009. Come se in India fossero tutti della stessa famiglia…

State ancora gettando lance?“, pronunciata davanti a un aborigeno australiano durante una visita in Oceania nel 2002.

Uno scambio avvenuto nel 2002: Il principe Filippo: “Chi è lei?”
Simon Kelner: “Io sono il direttore dell’Independent…” (noto quotidiano britannico).
Il principe Filippo: “Cosa ci fa qua?”
Simon Kelner: “Mi avete invitato voi”
Il principe Filippo: “Beh, non doveva venire per forza”.

Il problema di Londra sono i turisti. Sono loro che causano gli ingorghi. Se fermassimo il turismo elimineremmo gli ingorghi“, ha detto all’apertura del City Hall nel 2002.

Dovrai perdere un po’ di peso se vuoi andare nello spazio!“, frase rivolta a un tredicenne obeso che voleva diventare astronauta, nel 2001.

Sordi? Se siete qui vicino non c’è da stupirsi se siete sordi“, rivolgendosi agli accompagnatori di un gruppo di sordi che si trovava nei pressi di un gruppo musicale, nel 1999.

Sei riuscito a non farti mangiare allora?“. Nel 1998, a uno studente tornato da un trekking in Papua Nuova Guinea.

Se non produce gas intestinali o non mangia fieno, allora a lei non interessa“, ha detto riferendosi a sua figlia, la principessa Anna – nota appassionata di equitazione.

Come fa a tenere gli indigeni lontani dall’alcol abbastanza a lungo per fargli passare l’esame?“, detta a un istruttore di scuola guida scozzese nel 1995.

La maggioranza di voi non discende dai pirati?“, a un abitante delle isole Cayman nel 1994.

Faceva parte degli alti e bassi della guerra. Non avevamo psicologi in giro che ogni volta che qualcuno sparava chiedevano: sei sicuro di non avere un tremendo problema? Ce la cavavamo da soli“, frase detta durante un documentario sul D-Day, nel 1994, a seguito dell’opportunit di offrire servizio psicologico alle truppe.

Non può essere qui da molto, non ha la pancetta“, a un britannico a Budapest, nel 1993. Evidentemente pensava si mangiasse e si bevesse molto bene in Ungheria!

Oh no, potrei prendere qualche orrenda malattia“, frase detta dopo l’invito ad accarezzare un koala in Australia, nel 1992.

Il vostro Paese è uno dei più noti centri di commercio di specie in pericolo al mondo“, durante un discorso di accettazione di un premio per la difesa della natura in Thailandia nel 1991.

Se restate qui ancora un po’, vi verranno gli occhi a mandorla“, frase davvero pronunciata davanti a un gruppo di studenti britannici in Cina, durante una visita di Stat nel 1986.

Lei è una donna, vero?“, tremenda gaffe davanti a una donna che in Kenya gli consegna un piccolo dono, nel 1984.

Tutti dicevano che dovevamo avere più tempo libero, ora si lamentano che sono disoccupati“, humour nero al culmine della recessione britannica nel 1981.

Dichiaro aperta questa cosa, qualunque cosa sia“, frase pronunciata durante una visita in Canada nel 1969.

Quanta pazienza, cara Regina!

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità