Privacy, l'esperto: "Su certificazione occorre meno distanza tra norma e cittadini"

webinfo@adnkronos.com

"Io credo che la sfida maggiore sia il rapporto con il cittadino, un soggetto che deve essere tutelato, perché c'è ancora una distanza eccessiva fra la norma, il messaggio che questa norma indirizza e la possibilità di fruizione della norma stessa. Bisogna fare in modo che la regola sia più praticabile". A parlare con l'Adnkronos a margine del question time 'La certificazione ai sensi del Gdpr' a Palazzo Montecitorio è Rosario Imperiali, avvocato esperto e cultore della protezione dei dati personali, tra i relatori durante il dibattito. 

"Sulle certificazioni - commenta - il bicchiere è o mezzo pieno o mezzo vuoto nel senso che trattandosi di un istituto nuovo, inserito in una norma abbastanza recente, c'è ancora molto da fare soprattutto se si considera che deve attecchire in 27 paesi e non è una cosa facile. Ma ne stiamo parlando - conclude - e siamo in una fase di transizione".