Privacy: WhatsApp si sbloccherà con l’impronta digitale

Dopo essersi dedicata ad implementare l’identificazione con Face ID e Touch ID su iOS, l’applicazione di messaggistica istantanea sta lavorando anche su Android. (Credits – Getty Images)

Tradimenti scoperti per una chat biricchina. Nell’era dei social network e dei sistemi di messaggistica le corna rischiano di venir scoperte quando si lascia incustodito il proprio smartphone. Il marito o la moglie, infatti, possono curiosare tra le chat del partner e, ops, scoprire messaggi compromettenti. Ma anche al di là delle coppie, su WhatsApp possono esserci dialoghi personali che devono rimanere tali, anche per questioni lavorative.

Ora, però, curiosare tra i messaggi del partner o del collega di lavoro diventerà più difficile, se non impossibile. Dopo essersi dedicata ad implementare l’identificazione con Face ID e Touch ID su iOS (non ancora disponibili perché in fase di sviluppo), l’applicazione di messaggistica istantanea sta lavorando alla funzione del riconoscimento per impronte digitali anche su Android. WhatsApp sta preparando una sezione specifica nella quale un utente potrà abilitare l’autorizzazione ad ‘usare le proprie dita’ come chiave di sicurezza per entrare nelle chat dell’App. Come per la versione allo studio per gli iPhone, quindi, abilitando la funzione ‘Fingerprint’ l’App sarà completamente protetta e serviranno le impronte dell’utente per aprirla. Non sarà possibile invece proteggere e bloccare una singola conversazione o chat specifiche.

Insomma, per poter accedere alle chat di WhatsApp si dovrà utilizzare l’impronta digitale del possessore dello smartphone, come oggi avviene per poter sbloccare molti telefonini. Ad annunciarlo è stato il sito internet WABetaInfo, che sottolinea come in futuro lo sblocco avverrà con l’impronta digitale (per iPhone 8 e modelli successivi) o col riconoscimento facciale (per iPhone X e successivi) per poter accedere all’app, mentre la società di messaggistica, come detto, sta lavorando per rendere l’impronta digitale disponibile anche per gli smartphone Android.

Per impostare l’impronta bisognerà accedere alla sezione “Privacy” delle impostazione e successivamente trovare la voce “Autenticazione”. Lì dentro si potrà attivare o disattivare l’accesso con l’impronta digitale.

Potrebbe anche interessarti:

Baciarsi su WhatsApp, ora è possibile

D-Heart, l’elettrocardiografo fai da te per smartphone

Perché Apple ha sostituito milioni di batterie nel 2018