Processata a 96 anni l'ex segretaria di un campo di sterminio nazista

·3 minuto per la lettura

AGI - L'ex segretaria 96enne in un campo di concentramento sarà processata oggi in Germania: è una delle prime donne implicate in crimini dell'era nazista a essere perseguita da decenni. Irmgard Furchner è accusata di complicità nell'omicidio di oltre 10 mila persone nel campo di Stutthof nella Polonia occupata. Il processo di Furchner a Itzehoe, nel nord della Germania, sarà seguito una settimana dopo dall'inizio del procedimento contro un'ex guardia del campo di 100 anni a Neuruppin, vicino a Berlino.

Gli ultimi sospetti

Sono tra le persone più anziane ad essere perseguite per il loro ruolo nel Terzo Reich, mentre la Germania si affretta a processare gli ultimi sospetti sopravvissuti. Il caso giudiziario di Itzehoe inizia un giorno prima del 75esimo anniversario della condanna a morte per impiccagione di 12 membri anziani dell'establishment nazista al primo processo di Norimberga. I pubblici ministeri accusano la pensionata di aver assistito all'omicidio sistematico di detenuti a Stutthof, dove lavorava nell'ufficio del comandante del campo, Paul Werner Hoppe, tra il giugno 1943 e l'aprile 1945.

Il campo

Nel campo, non lontano dalla città di Danzica, morirono circa 65 mila persone, tra cui "prigionieri ebrei, partigiani polacchi e prigionieri di guerra russi sovietici", recita l'accusa. Dopo una lunga riflessione, la corte ha deciso a febbraio che Furchner era idoneo a sostenere un processo, anche se solo per poche ore alla volta, trascinando il procedimento fino a giugno 2022. Settantasei anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, il tempo stringe per assicurare alla giustizia le persone per il loro ruolo nel sistema nazista.

Otto casi

Secondo l'Ufficio centrale per le indagini sui crimini nazionalsocialisti, i pubblici ministeri stanno attualmente gestendo altri otto casi, compresi ex dipendenti nei campi di Buchenwald e Ravensbrueck. Negli ultimi anni, diversi casi sono stati abbandonati poiché l'imputato è morto o non era fisicamente in grado di sostenere un processo.

L'ultimo verdetto

L'ultimo verdetto di colpevolezza è stato dato all'ex guardia delle SS Bruno Dey, a cui è stata inflitta una condanna sospesa di due anni a luglio all'età di 93 anni. Furchner è l'unica donna ad essere processata negli ultimi anni per crimini risalenti all'era nazista, poiché il ruolo delle donne nel Terzo Reich è stato a lungo trascurato. Ma da quando John Demjanjuk, una guardia in un campo di concentramento, è stato condannato per aver prestato servizio come parte della macchina per uccidere nazista nel 2011, i pubblici ministeri hanno ampliato la portata delle loro indagini oltre i diretti responsabili delle atrocità.

L'accusa

Secondo Christoph Rueckel, un avvocato che rappresenta i sopravvissuti della Shoah che sono parte del caso, Furchner "ha gestito tutta la corrispondenza" per il comandante del campo Hoppe. "Ha dattiloscritto i comandi di espulsione e di esecuzione" sotto dettatura e ha siglato personalmente ogni messaggio, ha detto Rueckel all'emittente pubblica Ndr. L'avvocato di Furchner, Wolf Molkentin, ha detto al settimanale tedesco Spiegel, che è possibile che il segretario sia stato "escluso" da quello che stava succedendo a Stutthof.

Altre tre donne indagate

Almeno altre tre donne sono state indagate per i loro ruoli nei campi nazisti, inclusa un'altra segretaria a Stutthof, morta l'anno scorso prima che potessero essere mosse le accuse. L'ufficio del procuratore di Neuruppin sta attualmente esaminando il caso di una donna impiegata nel campo di Ravensbrueck, secondo i funzionari dell'Ufficio centrale di Ludwigsburg.

Tra le donne a cui rispondere delle loro azioni durante l'era nazista c'era Maria Mandl, una guardia del campo di Auschwitz-Birkenau, impiccata nel 1948 dopo essere stata condannata a morte a Cracovia, in Polonia. Tra il 1946 e il 1948, ad Amburgo, 21 donne furono processate davanti a un tribunale militare britannico per il loro ruolo nel campo di concentramento femminile di Ravensbrueck.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli