Processo Borsellino. “In 30 anni si è guardato ovunque. Non all’interno delle toghe"

·6 minuto per la lettura
- (Photo: Questura di PalermoANSA)
- (Photo: Questura di PalermoANSA)

Il depistaggio dopo l’uccisione di Paolo Borsellino c’è stato, nessun dubbio può essere più sollevato a riguardo. La corte di Cassazione ieri sera ha messo il sigillo al processo Borsellino quater, nato per accertare quella “macchina della calunnia” che ha portato per anni a dare credito al falso pentito Vincenzo Scarantino. Il ‘pupo vestito’ che si era accusato del furto dell’auto che fu utilizzata per uccidere il magistrato palermitano e gli uomini della sua scorta il 19 luglio 1992 e che, per anni, è stato creduto. Fino a quando Gaspare Spatuzza, nel 2008, si è pentito e ha ammesso che quel furto l’aveva compiuto lui, smontando un castello di bugie di due inchieste e di due processi. Quei processi erano sbagliati dall’inizio. Gli avvocati, come Rosalba di Gregorio Giuseppe Scozzola, che assistevano le persone falsamente accusate lo hanno sostenuto subito, inascoltati in una lunga battaglia che si è poi rivelata giusta. Oggi - dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato l’ergastolo per i capomafia Salvatore Madonia e Vittorio Tutino e quelle per calunnia per gli altri due falsi pentiti, Calogero Pulci e Francesco Andriotta, - si può affermare serenamente che quei processi si poggiavano sul nulla. “Si sono retti su una falsa ricostruzione avallata da pm e giudici”, dice all’Huffpost Fabio Trizzino, avvocato della famiglia Borsellino, insieme a Vincenzo Greco, e marito di una delle figlie del magistrato, Lucia.

Su questi elementi oggi c’è certezza. Eppure, la parola “fine” scritta al Palazzaccio può essere un nuovo inizio: “Questa sentenza può essere considerata un punto di partenza per la ricostruzione della verità storica, sul movente della strage di via D’Amelio e sulle origini del depistaggio. Mi piacerebbe pensare lo stesso per la verità processuale, il tempo non gioca a nostro favore, 30 anni sono troppi e la ricostruzione davanti a un giudice diventa sempre più complessa. Alcuni danni sono irreparabili. Restiamo con la speranza che di questi fatti si occupo anche la commissione parlamentare antimafia”, spiega ancora Trizzino. Era al Palazzaccio, ieri, mentre gli ermellini confermavano le condanne e, pur nel tecnicismo di un dispositivo, dicevano che quello che la famiglia sostiene da anni è verità. Storica e giuridica.

Per una verità assodata, altre ne mancano. E per il legale non ci sono più scuse per nascondere: “Non faremo sconti a nessuno - avverte - non per desiderio di vendetta, ma perché sentiamo di avere un dovere nei confronti delle future generazioni”. Un dovere di far riemergere una verità che è stata rubata da anni di errori, di tesi smontate - leggi alla voce Trattativa - di bugie e di magistrati, i primi che hanno indagato sulla strage, che, ormai è certo, qualcosa hanno sbagliato.

La verità giudiziaria in sostanza a questo si ferma: la procura di Caltanissetta non avrebbe dovuto credere a Scarantino, il tribunale avrebbe dovuto smontare il castello di falsità. Né l’una né l’altro ha fatto niente di tutto questo. Ad oggi questo si può dire, il resto forse si potrà ancora ricostruire, e a leggere bene tutte le carte i punti da cui partire ci sono. “In questi 30 anni le indagini e i processi hanno guardato ovunque: nella politica, nelle forze dell’ordine. Ma non si è guardato all’interno della magistratura. Sarebbe quindi opportuno soffermarsi nell’unico ambito istituzionale tralasciato”, afferma l’avvocato.

Un’indagine su due pm che hanno condotto la prima inchiesta a Caltanissetta c’è stata, ma il fascicolo messinese su Anna Palma e Carmelo Petralia - sospettati di concorso in calunnia aggravata - è stato archiviato. Non hanno commesso reati, dice il gip che ha disposto l’archiviazione, solo degli “errori”.

Che si dovesse vagliare un po’ di più l’ambiente della magistratura lo indicavano anche alcune frasi di Borsellino. Trizzino ricorda come nei suoi ultimi giorni di vita parlava della procura di Palermo come di un “nido di vipere”. Era un uomo rigoroso, tutto fa pensare che non avrebbe pronunciato una frase del genere a caso: “In questi anni - prosegue Trizzino - c’è stata un’analisi poco attenta delle testimonianze che il magistrato ha lasciato negli ultimi 57 giorni di vita, quelli che sono seguiti alla morte di Falcone. Parlo di testimonianze orali, perché quelle scritte non ci sono. Avrebbero, forse, potuto essere nell’agenda rossa che aveva con sé il giorno dell’attentato, ma quell’agenda è sparita. E lo sa quando sono iniziate le indagini su questa scomparsa? Nel 2002″. Dieci anni, un tempo infinito, dopo.

Messo un punto sul “depistaggio gravissimo e grossolano”, dice Trizzino, “si sta andando nella direzione giusta”. O, almeno, è più difficile mistificare quello che è stato. Un esempio: per decenni parte dell’opinione pubblica, e alcuni pm, ha ritenuto che Borsellino fosse stato ucciso perché si era opposto alla Trattativa Stato-mafia. Al netto del fatto che poche settimane fa la corte d’Appello di Palermo ha stabilito che i contatti avuti dagli ufficiali dei Ros con parte della mafia non erano reato, già le prime battute del Borsellino quater ci dicevano che quella teoria era sbagliata. Nella sentenza d’appello, non a caso il giudice scriveva che il magistrato era stato ucciso per “vendetta” per il maxi processo e per “cautela preventiva” rispetto al lavoro che stava svolgendo. Ed ecco che allora per arrivare alla verità bisogna partire dai punti fermi: “Si deve ricostruire con logica - sostiene con forza Trizzino - attenendosi ai scontri, non ai teoremi”. I teoremi sono stati tanti, e alcuni sono duri a morire. Però, dopo la sentenza della Cassazione, è tempo di speranza.

“Richiameremo tutti alle loro responsabilità”, dice il legale. E se sulle origini del depistaggio bisogna fare ancora piena luce, un approfondimento serio andrebbe fatto anche sul movente della strage: “La famiglia ha sempre guardato altrove rispetto alle ricostruzioni che volevano vedere una connessione tra la strage e la trattativa. In particolare, abbiamo sostenuto, e sosteniamo, che bisognava guardare a ciò di cui Borsellino si stava occupando negli ultimi mesi. Al dossier mafia appalti, in particolare”. Si tratta di una lunga informativa firmata dal generale Mario Mori e da Giuseppe De Donno - gli stessi assolti dopo essere stati considerati per anni traditori dello Stato - che dopo la morte di Borsellino è stata dimenticata.

Fuori da questa babele di errori superficialità che hanno allontanato la verità, emerge però un dato, almeno quello, positivo: “I magistrati, negli ultimi anni, hanno fatto di tutto per rimediare agli errori dei loro predecessori”, continua ancora Trizzino. “Questo elemento - conclude - è stato evidente anche ieri, durante la requisitoria del procuratore generale della Cassazione. Dal tono, dalle parole usate, si capiva quanto fosse profondamente dispiaciuto dalle vicende di queste decenni. Era come se volesse dire che no, Paolo Borsellino non meritava tutto questo”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli