Processo a Netanyahu, pm Israele: “Uso illegittimo del potere”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 apr. (askanews) - Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha fatto "un uso illegittimo" del suo potere ed ha considerato la concessione di favori come "valuta" per i suoi obiettivi, ha affermato oggi il pubblico ministero durante il processo per corruzione a carico del capo del governo dello Stato ebraico.

In aula a Gerusalemme, davanti allo stesso Netanyahu, il procuratore ha spiegato che il primo ministro ha cercato "vantaggi impropri da parte dei proprietari dei principali media in Israele per far avanzare i suoi affari personali". Netanyahu ha negato qualsiasi illecito.

L'udienza si è aperta nel giorno in cui il presidente Reuvlen Rivlin ha iniziato le consultazioni per la formazione del prossimo governo. Il capo dello Stato, durante l'incontro con il leader dell'opposizione Yair Lapid, si è mostrato piuttosto scettico.

"Non vedo un modo con cui possa essere istituito un governo", ha commentato. "Il popolo d'Israele dovrebbe essere molto preoccupato per il fatto che potremmo essere trascinati in una quinta elezione".