Processo Ruby, la meteorina Marianna Ferrera attacca la Boccassini

Le gemelle Marianna e Manuela FerreraE' a metà strada tra una soap opera e una sfilata di moda. Il processo Ruby, le cui "puntate" sono quasi al termine, continua a svelare nuovi personaggi e rivelare colpi di scena come nei migliori telefilm.

Dopo le dichiarazioni della cubana Lisa Barizonte, che ha ammesso che ad Arcore si svolgevano festini, "spettacoli erotici ma non con fini sessuali“, in cui le ragazze si travestivano “da infermiera” o “da bambina“ e dopo la carrellata di personaggi famosi - da Belen alla Santanchè - invitati a testimoniare, ieri è stato il turno delle ex meteorine del Tg4 di Emilio Fede, Manuela e Marianna Ferrera.
In particolare quest'ultima si è scagliata come un meteorite contro il pm Ilda Boccassini. Definendo tutto il processo "assurdo": "Io sono una brava ragazza e mi hanno considerato una escort - ha testimoniato la ragazza rivolgendosi al pm - quindi se lei mi permette io dico che questo è un processo assurdo".

Allibita, la Boccassini è intervenuta rivolgendosi all'avvocato delle ragazze, Niccolò Ghedini e spiegando che "il teste non può permettersi di dire queste cose". Immediata la difesa dell'avvocato, che ha giustificato il commento della ex showgirl come un "commento che le è sgorgato dal cuore".

Leggi anche: Maria Rosaria Rossi, la 'nuova favorita' di Berlusconi parla dello "Squit Squit"

La verve e la polemica sono però venuti meno quando il pm ha chiesto alle ragazze la "ratio", la motivazione per cui ricevono "da meno di un anno" 2500 euro al mese da Berlusconi, come molte altre ragazze che hanno preso parte alle serate ad Arcore. Domanda a cui le ex ballerine hanno dato una risposta vaga, dipingendo quelle serate come "normalissime", nulla di "scabroso", dove le ballerine "facevano spettacoli come in tv".
Poi lo "scandalo" ha rovinato tutto: in seguito al processo, ha dichiarato l'altra sorella, Manuela Ferrera, "la mia reputazione e la mia vita sono state rovinate". La stessa opinione di Marianna, indignata da tutti gli scandali emersi: "Basta cliccare su internet e il mio nome è associato a quello di una escort, faccio fatica ad andare in giro perché tutti mi dicono bunga-bunga".

Sono poche le udienze rimaste nel processo che vede l'allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi imputato per concussione e prostituzione minorile. Secondo il presidente del collegio Giulia Turri l'istruttoria dibattimentale dovrebbe finire il 17 dicembre, almeno così ha garantito la difesa, in risposta alle lamentele della Boccassini sui "ritmi lenti" del processo e sul fatto che ad ogni udienza l'elenco dei testimoni si riduce drasticamente. Non è una "strategia dilatoria", controbatte Ghedini, garantendo che per la prossima udienza - prevista per il 26 novembre - saranno convocati i 21 testimoni rimanenti, tra cui alcune ragazze.
Per sentire alcuni personaggi chiave, come Emilio Fede e Nicole Minetti, bisognerà attendere il 3 dicembre. Ben due udienze invece per Ruby, alla quale saranno dedicate le giornate del 10 e del 17 dicembre.

Leggi anche: Emilio Fede rinuncia a difendersi: "Tanto non vado in carcere"

Belen e Santanché in tribunale a Milano per il processo RubyMilano (TMNews) - Belen Rodriguez e Daniela Santanchè hanno testimoniato in tribunale a Milano nel corso del processo Ruby dove Silvio Berlusconi è imputato di concussione e prostituzione minorile. La showgirl, presa d'assalto dai fotografi, in aula ha affermato di non aver mai visto Ruby e di non essere mai stata ad Arcore smentendo in questo modo quanto detto dalla ragazza marocchina che sosteneva di aver incontrato Belen nella residenza dell'ex premier. Daniela Santanchè, deponendo in aula davanti ai giudici, ha detto di non aver mai visto giovani ragazze ad Arcore, aggiungendo di non aver mai incontrato nella residenza di Berlusconi la marocchina Ruby. Dopo aver testimoniato in aula Santanché si è fermata a parlare con i giornalisti

ups

00.02.28.00 - 00.02.41 (da "una farsa" a "Arcore")

00.07.46 - 00.07.50 ("io non ho mai visto" a "

----------------------------------------------------------

"Mi pare tutto una farsa, un reality - ha dichiarato - conosco Berlusconi da quindici anni e so come lui si comporta e so quello che io ho visto le tante volte che sono andata ad Arcore.

Io non ho mai visto giovani donne anche perchè quando ci vado io ci sono solo uomini"

----------------------------------------------------------

Poi ha attaccato i magistrati

00.03.02 - 00.03.18 ( "adesso anche con ingroia" a "di pietro")

--------------------------------------------------------------

"Anche con Ingroia candidato - ha detto - gli italiani capiranno qual è il problema di una parte della magistratura che vuole cancellare il sistema politico per poi farne parte. Visto poi lo scempio di Di Pietro..."

--------------------------------------------------------------

Ricerca

Le notizie del giorno