Processo trattativa, Dell'Utri: "Assoluzione svolta per me e giustizia"

·1 minuto per la lettura

"Questa assoluzione è una svolta non solo per me ma per la giustizia italiana, questo processo era mostruoso". Lo ha detto, in un'intervista all'Adnkronos, Marcello Dell'Utri, subito dopo l'assoluzione nel processo d'appello sulla trattativa tra Stato e mafia. In primo grado l'ex senatore era stato condannato a dodici anni di carcere.

"Voglio ricordare e ringraziare tutti quelli che mi hanno sostenuto in questi anni mi voglio invece dimenticare tutti gli altri, quelli che odiano", dice Dell'Utri, che ringrazia i suoi legali, gli avvocati Francesco Centonze e Francesco Bertorotta. "Voglio anche ringraziare le persone e tutti gli amici che mi hanno sostenuto sempre e che hanno creduto nella mia innocenza. Innanzitutto un ringraziamento ai miei familiari e agli amici, che sono tanti, tantissimi. Questa assoluzione è la risposta più bella a tutti gli odiatori".

Alla domanda se lo aspettava, dice: "Onestamente no, io sognavo che mi assolvessero ma allo stesso tempo ero preoccupato. Sono sincero". Per i suoi legali hanno vinto "gli anticorpi della democrazia". "Sì, direi che questa sentenza è davvero una svolta per me ma anche per la giustizia italiana. Avere debellato questo processo è una grande prova di democrazia giudiziaria, finalmente". Era tranquillo? "Io sono sempre stato tranquillo, se non lo fossi stato non saremmo qui a parlarne... ma sarò ancora più tranquillo adesso".

Ora Marcello Dell'Utri pensa a tornare in politica: "Ma sta scherzando? Non ci penso nemmeno lontanamente, io preferisco tornare ai miei libri". (di Elvira Terranova)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli