Processo Weinstein, Annabella Sciorra racconta in aula il suo stupro -2-

Bea

Roma, 24 gen. (askanews) - Secondo l'emotiva testimonianza dell'attrice, Sciorra cenò con Weinstein nell'inverno 1993-94. Il magnate si offrì poi di riaccompagnarla in auto al suo appartamento di Manhattan.

Poco dopo che Weinstein l'ebbe lasciata sotto casa, Sciorra sentì bussare alla porta. Il produttore si introdusse a forza in casa e la portò in camera da letto dove la stuprò, ha raccontato la donna. Weinstein ignorò i suoi tentativi di respingerlo, ha terstimoniato Sciorra tra le lacrime. "Mi salì sopra e mi violentò" ha detto. "Ebbe un rapporto con me e io tentavo di respingerlo, ma non riuscivo a lottare perchè mi aveva immobilizzato le mani". Weinstein poi la sottopose a forza a un rapporto orale, dicendo "questo è per te". "Fu così disgustoso che il mio corpo cominciò a tremare in modo molto strano, come se avessi le convulsioni". (Segue)