Procida è la Capitale italiana della cultura 2022

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 gen. (askanews) - Sarà Procida la "Capitale italiana della cultura" per l'anno 2022. La città è stata designata come quella con il progetto più idoneo dalla giuria presieduta dal prof. Baia Curioni, terminate le audizioni delle 10 città finaliste per il titolo (oltre a Procida: Ancona, Bari, Cerveteri, L'Aquila, Pieve di Soligo, Taranto, Trapani, Verbania-Lago Maggiore, Volterra).

La decisione è stata annunciata dal ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini: "E' una giornata - ha detto - che dà un segnale di guardare al futuro. Nel 2022 il mondo e l'Italia sarà tornata alla normalità e certamente l'offerta culturale italiana e il turismo torneranno imponenti e fortissimi attraversando tutto il nostro territorio. Tra le finaliste ogni anno ci sono state grandi e piccole città. È la prima volta che vince una piccola. La competizione resta aperta nel futuro: si premia il progetto, non l'importanza, la bellezza o la storia della città. Viva Procida, perchè ci accompagni al meglio nel 2022".

Per il sindaco di Procida Raimondo Ambrosino la designazione "è una enorme gioia, che rappresenta il sentimento di tanti borghi dell'Italia minore. Procida può essere considerata una metafora di tanti borghi, amministrazioni e comunità che hanno riscoperto l'entusiasmo e l'orgoglio per il loro territorio e che con questo titolo vogliono costruire un riscatto importante per le loro terre. Siamo onorati. Facciamo i complimenti a tutte le altre città di cui abbiamo studiato dossier e proposte culturali. La cultura può essere per noi e loro uno straordinario detonatore del piano strategico di rilancio. È un'opportunità storica per una piccola isola che senz'altro coglieremo lavorando sodo per rendere orgogliosa l'Italia di questa bella scelta", ha concluso.

"Le 10 città meritavano tutte di vincere assieme", ma con Procida "la Commissione ha scelto all'unanimità il progetto capace di congiungere in modo migliore lo slancio ideale, la concretezza, la capacità di essere un laboratorio di idee, l'attrattività, l'impulso a promuovere un profondo cambiamento. Il cuore, la mente: proprio per le condizioni di quest'anno specifiche, il cuore e la mente è un messaggio poetico che speriamo possa essere di augurio per tutto il Paese da qui in avanti", ha spiegato infine il prof. Stefano Baia Curioni, che ha presieduto la giuria che ha scelto Procida come Capitale italiana della cultura 2022.