Prodi: governo senza alternative, Stato diventi azionista imprese

Rea

Roma, 2 giu. (askanews) - "Quando necessario bisogna pensare a una partecipazione pubblica di minoranza nelle imprese anche per difendere da mire straniere le aziende indispensabili al nostro futuro", e Cdp " sicuramente uno strumento per l'azione dello Stato". Per l'ex presidente del Consiglio Romano Prodi, intervistato dal Corriere della Sera, "difendere gli interessi nazionali non un affare da sovranisti. Naturalmente mi auguro che il necessario intervento pubblico sia un fatto temporaneo".

Sulla tenuta dell'esecutivo, per Prodi "i governi cambiano quando c' un'alternativa". Ed esplicitamente dice: "Per capirci: Renzi ha dimostrato che non certo il momento di far cadere questo esecutivo anche perch il Quirinale aveva fatto sapere che si sarebbe andati subito ad elezioni. E infatti Italia viva rimasta al suo posto".

In risposta alle parole del presidente di Confindustria Bonomi, secondo cui questa politica rischia di fare pi danni del Covid: " un'affermazione distruttiva, non costruttiva. Non serve la faccia feroce. Esiste anche l'esame di coscienza. Ci aspettiamo che dica che cosa deve fare l'industria italiana per affrontare la concorrenza internazionale nel post Covid".

Parlando del Mes, "'facciamo senza' un'espressione che si pu permettere chi i soldi li ha. E se non li prendiamo ci indeboliamo pure sull'altra trattativa", quella sul Recovery fund, spiega Prodi, che sui cosiddetti Stati frugali osserva: "Se vogliamo dirla tutta, Austria, Olanda, Danimarca e Svezia hanno un tasso di indebitamento delle famiglie molto pi alto rispetto a quello italiano". Per l'ex premier, l'esplosione della rabbia sociale " un pericolo che si corre proprio se non si aiutano coloro che hanno pi motivi per protestare. Per questo insisto che bisogna costruire un clima capace di comporre gli interessi di tutti". Se tra Pd e M5s "c' stato un processo di avvicinamento", "il vero problema la crisi dei partiti: non esistono pi", evidenzia Prodi. "Nello stesso Pd, che pure l'unico che ha ancora conservato la natura di partito, non ci sono pi gli antichi confronti di idee".