Professore contro le sardine: arrivano le scuse

professore minaccia sardine

Giancarlo Talamini Bisi è il professore di Fiorenzuola che, attraverso un post pubblicato sui social, aveva minacciato i propri studenti. Se avesse beccato qualcuno di loro andare alla manifestazione organizzata dal movimento delle sardine contro Matteo Salvini e le sue politiche sovraniste, avrebbe reso la loro “vita un inferno, vedrete il 6 con il binocolo e passerete la prossima estate sui libri. Di idioti in classe non ne voglio”.

In seguito alle polemiche scatenate da queste parole, Bisi ha mandato una mail a tutti i giornali per scusarsi. “Buonasera, sono Giancarlo Talamini” ha scritto “il docente che ha pubblicato su Facebook, le esternazioni, attualmente circolanti in rete. Ne approfitto per scusarmi pubblicamente con tutti gli studenti, genitori, colleghi e dirigenti che non era certo nelle mie intenzioni mettere in difficoltà attraverso il mio scritto. Chi mi ha conosciuto sa che non sarei mai e poi mai in grado di compiere azioni del genere”.

Professore minaccia sardine: reazione Salvini

Le sue parole erano state condannate anche da Matteo Salvini in persona. L’ex Ministro dell’Interno si era espresso dicendo come i professori debbano fare i professori e gli studenti gli studenti, liberi di andare dove vogliono. “Ho avuto professori quasi sempre di sinistra” ha detto il leader leghista “e me li sono tenuti. Ognuno è libero di andare a fare quello che vuole”.

Il commento di Borgonzoni e Fioramonti

Sulla stessa linea anche la candidata leghista alle elezioni regionali in Emilia-Romagna Lucia Borgonzoni: “Non è un iscritto alla Lega, condanno le sue parole, sono inaccettabili”. Il ministro Fioramonti, invece, ha garantito che verrà avviata un’ispezione a tutela dei diritti degli studenti e della stessa scuola.

Fioramonti ha fatto sapere attraverso un post su Facebook, di aver attivato gli uffici del MIUR per verificare i fatti e procedere con un provvedimento immediato alla sospensione. Il ministro dell’istruzione ha poi specificato come educare al rispetto dei principi della Costituzione è uno dei fondamenti dell’istituzione scolastica. “Tra questi vi sono certamente il diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero” ha concluso Fioramonti “ed a partecipare alla vita pubblica secondo i modi garantiti dalla Costituzione stessa”.

La manifestazione si terrà oggi, domenica 24 Novembre 2019 ,alle ore 18 presso la centralissima piazza Taverna di Fiorenzuola. L’evento vuole manifestare pacificamente, come già accaduto in altre città italiane nelle ultime settimane, contro l’arrivo di Matteo Salvini per la campagna elettorale.