Profondo rosso sui mercati, è la peggiore settimana dal 2008

milano borsa (Photo: ANSA-GETTY_HP)

Per i mercati azionari globali è la peggiore settimana dal 2008. Lo rivela il Financial Times, secondo il quale le azioni in media hanno perso un decimo del loro valore in questi sette giorni. Anche oggi le Borse colano a picco per la paura della pandemia da coronavirus.

Pesante scivolone per Piazza Affari: l’indice Ftse Mib ha chiuso in calo del 3,58% dopo aver sfiorato un ribasso di cinque punti percentuali, l’Ftse All share in discesa dello 3,47% (bruciati altri 22,5 miliardi di capitalizzazione), con le Borse europee che, in un clima molto nervoso, si sono mosse sugli stessi livelli. Per Milano la perdita nella settimana è pari all′11,2%.

Londra ha concluso l’ultima seduta della settimana in calo del 3,1%, Parigi del 3,3% e Francoforte in ribasso del 3,8%. Male anche Wall Street. “E’ una situazione seria, ma non credo che la caduta dei mercati finanziari avrà degli effetti di lungo termine” ha provato a rassicurare Larry Kudlow, consigliere economico della Casa Bianca.

Il coronavirus ormai non è più un’emergenza cinese: per il terzo giorno consecutivo i dati di contagio fuori dalla Cina hanno superato quelli all’interno. L’indice Vix, una delle misure più attentamente osservate sulla volatilità dei listini è salito fino a 47, aumentando di quasi tre volte, a dimostrazione dell’incertezza e dello spavento che regna sui mercati. 

Le quotazioni del petrolio a New York accentuano la loro caduta col greggio che è arrivato a perdere oltre il 7%, sotto ai 44 dollari al barile. Il Brent perde il 4% e scende sotto la soglia dei 50 dollari al barile, a 49,7 dollari, toccando i minimi da luglio 2017. Il greggio Wti è in ribasso del 4,3% a 45 dollari al barile.

 

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.