Progetta una sparatoria in Texas: il piano viene sventato dalla nonna

sparatoria-texas

A pochi giorni dalle sparatorie di El Paso e Dayton, i media americani riportano come un’ulteriore strage di innocenti stava per essere compiuta negli Usa. Un ragazzo 19enne stava infatti progettando una sparatoria che avrebbe dovuto essere compiuta lo scorso luglio a Lubbock, nello Stato del Texas. Il giovane William Patrick Williams aveva preso una camera d’albergo e acquistato numerose scorte di armi e munizioni ma è stato fermato in tempo dalla nonna che lo ha dissuaso dal compiere il suo folle gesto.

VIDEO - Usa, oltre 14mila morti per armi da fuoco

Progetta sparatoria in Texas

Come riportato dall’emittente Cnn, lo scorso 13 luglio il 19enne Williams aveva raccontato alla nonna di aver appena acquistato un fucile d’assalto Ak-47 con cui intendeva compiere una strage in un hotel per poi successivamente farsi uccidere dalla Polizia. Nel sentire le parole del nipote, l’anziana ha convinto Williams a ricoverarsi in ospedale per poter curare il suo disagio interiore, salvando così la vita a decine di potenziali vittime.

Dopo il ricovero in ospedale, Williams è stato arrestato dagli agenti speciali dell’Fbi e dell’Atf, l’agenzia federale per il controllo dei reati relativi all’alcol al tabacco e alle armi da fuoco. Stando a quanto scritto nel comunicato della Polizia, il 19enne ha dato il permesso agli agenti di perquisire la sua camera d’albergo. Oltre alle armi, nella stanza, gli investigatori hanno trovato l’abbigliamento che il ragazzo avrebbe indossato il giorno della strage. Esso consisteva in un trench nero, pantaloni tattici neri ed una maglietta nera con su scritto “Lasciateli entrare”.

VIDEO - Stati Uniti, sparatoria di El Paso: indagine per terrorismo interno

I ringraziamenti alla nonna

Nel ringraziare la nonna del ragazzo per il suo gesto, l’avvocatessa americana Nealy Cox ha dichiarato: “Questa è stata una tragedia evitata. Voglio ringraziare la nonna dell’imputato, che ha salvato numerose vite interrompendo questo progetto. Così come ringrazio gli agenti di polizia di Lubbock e gli agenti federali che hanno indagato sulla sua acquisizione illegale di un’arma mortale”.

William Patrick Williams è accusato dalle autorità di aver rilasciato dichiarazioni false ad un venditore di armi da fuoco. Il ragazzo aveva infatti dato come proprio indirizzi quello di un’abitazione dalla quale era stato sfrattato tempo addietro. Per questo genere di reato federale rischia di essere condannato a cinque anni di carcere.