Progetti ricerca Ue: a Unipi nel 2019 finanziamenti per 17 mln

Red

Roma, 28 gen. (askanews) - Continua a crescere il trend positivo dei progetti di ricerca europei vinti dall'Università di Pisa nel triennio 2017-2019, con un significativo "boom" delle ricerche coordinate dall'Ateneo pisano. Soltanto nell'ultimo anno sono stati vinti 47 nuovi progetti, di cui 37 nell'ambito di Horizon 2020 e 10 in ulteriori programmi europei, per un finanziamento complessivo di 17,2 milioni di euro. Questi dati - segnala l'Università di Pisa in una nota - confermano una media annuale di finanziamenti triplicata rispetto agli anni precedenti, visto che nel 2015, 2016 e 2017 si attestava sui 6 milioni di euro.

"Un grande risultato che conferma l'eccellenza della ricerca scientifica del nostro Ateneo - ha commentato il rettore Paolo Mancarella - Riuscire a raggiungerlo in un contesto come quello italiano, dove le risorse per la ricerca e l'innovazione sono cronicamente scarse, non è mai scontato. È la dimostrazione di un sistema universitario che, nonostante tutto, non rinuncia a dare il massimo, contribuendo così allo sviluppo del Paese. La ricerca è un valore irrinunciabile e meriterebbe una maggior attenzione da parte della politica e investimenti adeguati. In questo confidiamo molto nell'operato del nuovo ministro".

I progetti coordinati dall'Ateneo pisano sono passati a 17 nel 2019 a fronte dei 12 vinti nel 2018, con una percentuale di progetti coordinati sulla totalità dei progetti vinti che è salita dal 22,27% nel 2018 al 36,17% nel 2019. "Siamo molto soddisfatti dei numeri che abbiamo ottenuto in questi ultimi tre anni, anche alla luce della tipologia di finanziamenti ottenuti - dichiara Lisandro Benedetti Cecchi, prorettore per la ricerca in ambito europeo e internazionale - Molto significativo è infatti il dato relativo ai più prestigiosi finanziamenti europei per la ricerca di eccellenza, i grant conferiti dallo European Research Council: i 6 ERC grant attivi a oggi presso il nostro Ateneo sono stati ottenuti nel triennio 2017-2019. Questi risultati sono certamente il frutto di un impegno sempre crescente dei nostri docenti nella progettazione europea e della loro capacità di esprimere al meglio le nostre eccellenze di ricerca". Interpretando i dati in una prospettiva più ampia, si nota che il contributo complessivo ottenuto dall'Unione Europea per i progetti di ricerca è triplicato tra il primo e il secondo triennio, crescendo da 13,1 a 41,7 milioni di euro, ed è quasi sestuplicato per i progetti coordinati, saltando da 3,3 a 19,8 milioni di euro.

"Senza dubbio gli ottimi risultati dell'ultimo triennio si devono anche all'investimento attuato dal nostro Ateneo con le misure di incentivazione e supporto alla progettazione europea attivate dal 2017, investimento che già in soli 3 anni ha mostrato il benefico effetto moltiplicatore di risorse e di opportunità - prosegue il prorettore Benedetti Cecchi -. Tra queste misure ricordiamo BIHO, il bando che tra il 2017 e il 2019 ha assegnato ai docenti di Unipi 67 incentivi, per un investimento dell'Ateneo di oltre 2,9 milioni di euro e il servizio di supporto alla redazione di proposte progettuali, attivato dal 2018 presso la Direzione Servizi per la ricerca e il trasferimento tecnologico. L'auspicio è di continuare a rafforzare, anche in vista del prossimo programma quadro europeo per la ricerca e l'innovazione per il periodo 2021-2027, Horizon Europe, la competitività internazionale dell'Ateneo nel produrre ricerca e innovazione di eccellenza".