Progetto Road-Csr, al via percorso condiviso di azioni

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Integrare le pratiche e la promozione della responsabilità sociale d’impresa nelle politiche delle Regioni partecipanti. Ha raggiunto il suo obiettivo il progetto Road-Csr, finanziato dal programma Interreg Europe. Il progetto, di cui Unioncamere Veneto è unico partner italiano, è arrivato a conclusione e ha visto la partnership di istituzioni regionali, Università e organizzazioni non profit provenienti da Cipro, Italia, Grecia, Norvegia, Spagna, Repubblica Ceca e Slovenia.

Il progetto, durato 4 anni, si è sviluppato in due fasi, una operativa e una di monitoraggio. Nella prima fase i partner, anche grazie alle visite studio previste dal progetto, hanno condiviso le buone pratiche di responsabilità sociale d’impresa presenti nei propri Paesi, raccolte successivamente in una pubblicazione.

Sono stati inoltre redatti 6 studi tematici sullo stato di attuazione della Csr nelle regioni partecipanti e uno studio sugli effetti della responsabilità sociale d’impresa sulla competitività delle Pmi, a cura del partner norvegese Ntnu - Norwegian University of Science and Technology. Tutte le pubblicazioni sono scaricabili dal sito del progetto.

La seconda fase, ovvero quella di monitoraggio realizzata dai partner del progetto in collaborazione con gli stakeholder locali, negli ultimi due anni ha evidenziato come il progetto abbia impattato concretamente su più della metà degli strumenti operativi regionali e nazionali in esame introducendo politiche a sostegno della Csr.

Il progetto Road Csr complessivamente ha sviluppato una serie di documenti utili ed utilizzabili per le attività di responsabilità sociale d’impresa a disposizione oggi degli utenti: tra questi vi sono gli studi tematici sulla Csr (Corporate Social Responsability) di ogni regione partecipante, l’individuazione di 50 best practices, lo studio sull’impatto della Csr sulla performance delle imprese e raccomandazioni finali per i governi nazionali e regionali sulle politiche da adottare a supporto della Csr.

Nello specifico l’Action Plan proposto da Unioncamere Veneto nell’ambito del progetto Road-Csr in coordinamento con la direzione Formazione e Istruzione della Regione Veneto, autorità di gestione del Por Fse, ha avuto l’obiettivo di formalizzare le azioni a supporto della Csr messe in campo dalla Regione e proporre due linee d’azione innovative per l’ultimo biennio della programmazione 2014-2020. Il primo asse d’azione pianificato è lo sviluppo di catene di valore innovative per la responsabilità sociale mentre il secondo asse d’azione è focalizzato sulla partecipazione dei giovani nell’innovazione sociale. Nel corso del progetto sono stati realizzati, inoltre, 14 seminari regionali con stakeholder e 4 seminari internazionali.