Proiettili nello Spazio per svelare come sono fatti gli asteroidi

featured 1635027
featured 1635027

Milano, 2 ago. (askanews) – Raccogliere campioni di corpi celesti direttamente in orbita nello Spazio senza complessi atterraggi al suolo. Come? Sparandogli addosso un proiettile ad alta velocità per provocare una nube di particelle e frammenti spiega Mirko Trisolini, ricercatore del Politecnico di Milano (presso il gruppo COMPASS del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali) che si occupa del progetto Cradle (Collecting Asteroid-Orbiting Samples).

“Quello che stiamo studiando è capire se possibile attraverso un satellite e un sistema di raccolta dei campioni montato sul satellite orbitare attorno all’asteroide e raccoglierli mentre stanno orbitando successivamente alla loro generazione attraverso un impatto”

“L’obiettivo è studiare soluzioni alternative e innovative per la raccolta di campioni da asteroidi e altri corpi del sistema solare”.

Ma perché è importante conoscere la composizione di corpi celesti come asteroidi e comete?

“Contengono informazioni riguardo alla nascita e allo sviluppo del sistema solare, ma possono contenere acqua, metalli e silicati che possono essere sfruttati in futuro attraverso missioni di estrazioni, possono essere utilizzati per missioni di lunga durata nel sistema solare, estraendo queste risorse direttamente in loco”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli