Pronta a Torino la linea di produzione in serie della Microlino

(Adnkronos) - Continua il percorso verso il debutto sul mercato della Microlino, il piccolo veicolo elettrico dell'omonima startup svizzera. Circa due settimane fa l'azienda ha condiviso su YouTube un video dell'allestimento della catena di montaggio; ora la linea è operativa e sta producendo gli ultimi veicoli pre-serie, prima di iniziare l'assemblaggio dei prodotti in serie. La linea di montaggio finale nell'impianto di Torino è di 3.000 mq, completamente ricoperta di pannelli solari, nella quale lavoreranno fino a 100 persone.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Rottamazione auto: consigli e costi per lo smaltimento del proprio veicolo

Dopo la fase iniziale di ramp-up dalla linea di produzione uscirà una Microlino finita ogni 20 min. Oltre l'80% delle parti di ogni Microlino sono prodotte in Europa, con la maggioranza provenienti dall'Italia. L'obiettivo di Microlino era consegnare i primi veicoli ai clienti entro la fine dell'anno, ma i problemi nelle catene di approvvigionamento mondiali hanno causato ritardi nonostante gli ordini di parti cruciali con largo anticipo. Di conseguenza l'azienda prevede di consegnare i primi veicoli ai clienti entro l'estate in Svizzera e subito dopo in Germania. La buona notizia è l'inizio ritardato della produzione verrà recuperato in un secondo momento, con ritmi della linea di assemblaggio potenziati.

Oltre alle tre edizioni (Urban, Dolce e Competizione) che ha già presentato, Microlino lancerà l'esclusiva edizione limitata per i primi 500 modelli prodotti, denominata Pioneer Series. Il configuratore online sarà reso accessibile a tutti i clienti, ma nella prima fase quelli svizzeri potranno effettuare una prenotazione. Presto seguiranno altri paesi come la Germania. Le date di lancio esatte per ogni paese verranno comunicate in seguito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli