"Propaganda della Raggi". Comunità Ebraica diserta la posa al Museo della Shoah

·1 minuto per la lettura
The candidate mayor of Rome at the next elections, Virginia Raggi during a confrontation at the Acquario Romano, during the 'Festival del'Architettura'. Rome (Italy), July 29th 2021 (Photo by Samantha Zucchi/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
The candidate mayor of Rome at the next elections, Virginia Raggi during a confrontation at the Acquario Romano, during the 'Festival del'Architettura'. Rome (Italy), July 29th 2021 (Photo by Samantha Zucchi/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

La Comunità Ebraica di Roma non prenderà parte alla cerimonia per la posa della prima pietra del Museo della Shoah di Roma a Villa Torlonia, organizzata dal Campidoglio alla presenza della sindaca Virginia Raggi. Lo si apprende da fonti della Comunità romana.

“E’ un evento inopportuno durante la campagna elettorale per il Campidoglio, quello per il Museo della Shoah è un progetto che doveva essere inaugurato anni fa” spiega una fonte della Comunità.

“Sembra che Virginia Raggi, dopo cinque anni in cui di Museo della Shoah nelle stanze del Campidoglio si è parlato veramente poco, voglia prodursi in uno spot elettorale alquanto inopportuno: la posa della prima pietra”. Lo scrive su Facebook il candidato a sindaco di Roma del centrosinistra, Roberto Gualtieri.

“Nella nostra visione fondazioni culturali e musei che offrono percorsi formativi, che coinvolgono la cittadinanza in progetti e che lavorano al fianco delle istituzioni hanno un ruolo fondamentale - aggiunge Gualtieri - La memoria è un valore imprescindibile e universale, non può essere oggetto di campagna elettorale”.

A stretto giro la replica del Comune: “Gualtieri fa attacchi inopportuni sul
Museo della Shoah. La prossima settimana con la sindaca Virginia Raggi daremo il via ai lavori per la realizzazione del Museo della Shoah dietro villa Torlonia. E un cantiere molto importante per tutta la città, che partirà a più di 17 anni di distanza dalle prime valutazioni e ipotesi di progetto”. Così in un post su Facebook l’assessora capitolina alle Infrastrutture Linda Meleo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli