Proposta di legge Carè (Pd): assegno sociale a italiani estero -2-

Pol

Roma, 16 ago. (askanews) - "Altri, invece, hanno avuto meno fortuna e - spiega - si sono scontrati con le stesse difficoltà che avrebbero incontrato nel loro Paese di origine, trovandosi, dopo tanti anni di duro lavoro, senza nulla, senza essere riusciti a risparmiare dei soldi e senza un'adeguata copertura previdenziale. Inoltre, molto spesso i nostri concittadini vivono in Paesi che non hanno stipulato accordi di reciprocità con l'Italia e, quindi, hanno subìto delle discriminazioni dal punto di vista lavorativo".

"Occorre ricordare che più di sessant'anni fa le condizioni erano molto diverse, in particolare per quanto riguarda i diritti civili. Ciò detto, è nostro dovere morale e civile - sottolinea - aiutare questi concittadini poco fortunati e fortemente penalizzati. Il legislatore deve tenere conto delle diverse situazioni che l'emigrazione ha creato. Per questo motivo credo sia doveroso introdurre, con la presente proposta di legge, un assegno sociale minimo in favore dei cittadini italiani residenti all'estero".

(Segue)