Proposte per le foreste d'Italia, il decalogo di Legambiente

·4 minuto per la lettura
Proposte per le foreste d'Italia, il decalogo di Legambiente
Proposte per le foreste d'Italia, il decalogo di Legambiente

Roma, 19 nov. – (Adnkronos) – Una parte delle risorse stanziate dall’Europa con il NextGenerationEU e destinati all’azione per il clima devono essere investiti in soluzioni basate sulla natura volte a promuovere la biodiversità e gli ecosistemi. Per questo Legambiente, in occasione del III Forum 'La Bieconomia delle Foreste. Conservare – Ricostruire- Rigenerare' lancia oggi un decalogo di dieci punti sul patrimonio forestale italiano che prevede tra le azioni chiave quella di avere ecosistemi sani e foreste resilienti per frenare gli effetti del climate change, creare nuove aree protette che, in coerenza con la Strategia Europea per la Biodiversità, devono crescere fino al 30% entro il 2030, realizzare una rete nazionale delle foreste vetuste e primarie e i Santuari della biodiversità, prevenire e ridurre i rischi naturali per le foreste.

Il decalogo di Legambiente:

1. Ecosistemi sani e foreste resilienti per frenare gli effetti del climate change

2. Creare la Rete nazionale delle foreste vetuste e primarie ed i Santuari della biodiversità

3. Incrementare il territorio protetto per aumentare la biodiversità forestale

4. Prevenire e ridurre i rischi naturali per le foreste

5. Creare foreste urbane per rigenerare le città e combattere la crisi climatica

6. Garantire la diffusione della pianificazione e della certificazione forestale

7. Costituire un Cluster Legno nazionale per sostenere le filiere locali e il Made in Italy

8. Aumentare l’uso del legno nei processi produttivi e l’uso a cascata ai fini energetici

9. Sostenere la bioeconomia circolare e finanziare la biodiversità e le infrastrutture verdi;

10. Contrastare il commercio illegale del legno e dei prodotti di origine forestale.

I boschi sono la più importante infrastruttura verde del Paese. Coprono il 36,4 % della superficie nazionale (circa 10,9 milioni di ettari) e per il 27,5% sono sottoposte a vincolo naturalistico, ospitano importanti specie di piante e animali, come alcuni grandi predatori a rischio di estinzione, e svolgono funzioni e servizi indispensabili alla vita dell’uomo. La superficie forestale nazionale è in costante aumento da decenni: è passata dal 12% circa alla fine del 19esimo secolo al 36,4% attuale. L’Italia importa l’80% del fabbisogno di prodotti legnosi.

Il legname consumato (tondo e semilavorato) proviene per oltre il 65% dall’estero e principalmente da Austria, Francia, Svizzera e Germania. Nonostante ciò la filiera produttiva italiana legata alla risorsa legno – connessa sia con le foreste di origine naturale che con le produzioni legnose fuori foresta – rappresenta un'importante realtà produttiva e occupazionale per il Paese e presenta ampie possibilità di crescita e sviluppo. Il settore e le filiere forestali generano l’1,6% del Pil e oltre 300mila occupati nel settore legno arredo, carta e packaging. Inoltre l’Italia è il più importante produttore ed esportatore di mobili ed ha una grande e consolidata capacità produttiva nel settore cartario e del packaging.

Per questo Legambiente nel suo decalogo propone anche di costituire un Cluster Legno nazionale per sostenere le filiere locali e il made in Italy, di aumentare l’uso del legno nei processi produttivi e uso a cascata ai fini energetici, di sostenere la bioeconomia circolare e finanziare la biodiversità e le infrastrutture verdi, di garantire la diffusione della pianificazione e della certificazione forestale e di contrastare il commercio illegale del legno e dei prodotti di origine forestale.

Infine l’associazione ambientalista chiede di creare più foreste urbane per rigenerare le città, combattere la crisi climatica e raggiungere gli obiettivi sul clima fissati con l’Accordo di Parigi. Le foreste hanno un ruolo importante nel ciclo globale del carbonio e per mitigare l’effetto serra. Si stima che nel mondo 3,9 miliardi di ettari di foreste, circa il 30% delle terre emerse, immagazzinino oltre 1.100 miliardi di tonnellate di carbonio. Boschi e foreste italiane immagazzinano 1,24 miliardi di tonnellate di carbonio.

Per questo, in coerenza con la strategia europea per la biodiversità, bisogna promuovere un piano nazionale di messa a dimora di alberi che privilegi le aree urbane, periurbane e i fondovalle e che coinvolga tutti comuni e non solo le città metropolitane. La Legge n. 10/2013 ha introdotto misure per censire, gestire e valorizzare il verde urbano. Malgrado ciò le politiche del verde messe in atto dai comuni italiani sono ancora altalenanti. Poco più del 53% dei comuni capoluogo hanno un catasto degli alberi.

Solo il 44,8% hanno il regolamento del verde urbano, e ancora pochi utilizzano i criteri minimi ambientali per gli appalti nella manutenzione delle alberature. In molti comuni, per mancanza di personale specializzato o per prassi consolidate, anziché seguire criteri selvicolturali e tecniche di arboricoltura urbana si ricorre alle cosiddette 'capitozzature degli alberi'. Le città italiane con il maggior numero di piante in rapporto agli abitanti sono Cuneo (203 piante/abitante) e Modena (114 piante/abitante).