Proseguono i lavori al G20 di Roma. Redatta la bozza del documento finale

·3 minuto per la lettura
G20 Draghi Biden
G20 Draghi Biden

Un’altra giornata di lavoro intensa quella che in queste ultime ore si sta tenendo al G20 di Roma dove i grandi del pianeta hanno discusso di clima, di pandemia e non solo. Al centro dei lavori finali è proprio l’emergenza climatica e la necessità di tagliare le emissioni. Proprio su quest’ultimo punto è stato trovato un accordo. Il tetto massimo per il riscaldamento globale è stato fissato a 1,5 gradi, mentre entro il 2050 dovrà essere raggiunto il tetto delle zero emissioni. “Vinciamo o falliamo insieme”, ha dichiarato il Premier Draghi.

G20 Draghi Biden, Putin: “Russia partecipa attivamente alla salvaguardia del clima”

Tra i leader del G20 a intervenire, seppure in videoconferenza, è il Presidente Vladimir Putin che nel suo discorso ha messo in evidenza come la Russia intervenga attivamente nella lotta all’emergenza climatica: “Il nostro Paese partecipa attivamente agli sforzi internazionali per salvaguardare il clima. Noi rispettiamo tutti gli impegni presi nel quadro della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e dell’Accordo di Parigi”.

G20 Draghi Biden, Documento finale: “Su taglio emissioni terremo conto di circostanze nazionali”

Il comunicato finale, sul fronte della riduzione delle emissioni, terrà conto dei singoli Paesi: “Ci impegniamo a ridurre significativamente le nostre emissioni collettive di gas serra, tenendo conto delle circostanze nazionali e rispettando i nostri NDC (gli impegni presi da ogni Paese)”. Il documento precisa inoltre che: “Riconosciamo che le emissioni di metano rappresentano un contributo significativo al cambiamento climatico e riconosciamo, in base alle circostanze nazionali, che la sua riduzione può essere uno dei modi più rapidi, fattibili ed economici per limitarlo”.

G20 Draghi Biden, Merkel: “Siamo più ambiziosi rispetto all’accordo di Parigi”

La cancelliera tedesca Angela Merkel, intervenendo alla sessione di lavoro del G20 ha evidenziato come l’ambizione è stata, se possibile ancora maggiore rispetto a quanto raggiunto con l’accordo di Parigi: “Stiamo mandando un messaggio molto chiaro: siamo ancora più ambiziosi rispetto all’Accordo di Parigi”.

G20 Draghi Biden, “Le democrazie sono in grado di dare soluzioni solide”

Ad intervenire ancora una volta ai lavori è stato il Presidente degli USA Joe Biden che durante un incontro con Ursula Von der Leyen ha affermato: “Continueremo insieme a dimostrare al mondo che le democrazie sono in grado di dare soluzioni solide ai problemi […] “Siamo i più stretti tra gli amici e i partner e lavoreremo insieme per risolvere le sfide del 2021”, ha concluso.

Precedentemente, attraverso un Tweet, il Presidente statunitense al termine della prima giornata di lavori, ha scritto: “E’ stata una giornata di riunioni produttiva al G20. La Global Minimum Tax di cui abbiamo discusso e’ un punto di svolta per i lavoratori, i contribuenti e le imprese americane. Non vedo l’ora che arrivi il secondo giorno”.

G20 Draghi Biden, Draghi: “Crisi climatica è il problema decisivo dei nostri tempi”

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi, durante il suo nuovo intervento nella seconda giornata di lavori al G20 di Roma, ha messo in evidenza come sia importante essere responsabili non frenando al contempo le ambizioni: “La crisi climatica è il problema decisivo dei nostri tempi. Mette in pericolo il nostro sostentamento, minaccia la nostra prosperità, mette a rischio il nostro futuro. Con lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare e gli eventi meteorologici estremi che si verificano sempre più frequentemente, ci troviamo di fronte a una scelta semplice. Possiamo agire ora o pentircene in seguito […] Con l’accordo di Parigi, ci siamo impegnati ad affrontare collettivamente il riscaldamento globale. Ma i passi in avanti che abbiamo intrapreso da allora si sono rivelati insufficienti. Gli scienziati ci dicono che – con le politiche attuali – le conseguenze del cambiamento climatico per l’ambiente e la popolazione mondiale saranno catastrofiche. Il costo dell’azione – per quanto alto possa sembrare – è banale rispetto al prezzo dell’inerzia”.

Il Premier ha inoltre fatto pressione affinché si investa il più possibile nelle energie rinnovabili. Ha tuttavia aggiunto: “Dobbiamo anche assicurarci di utilizzare le risorse disponibili con saggezza, e quindi dobbiamo essere in grado di adattare le nostre tecnologie e anche i nostri stili di vita a questo nuovo mondo. E mentre ci muoviamo verso questi obiettivi, dobbiamo aiutare i paesi di tutto il mondo ad affrontare il cambiamento climatico e ad adattarsi ai suoi effetti”.

Sulle preoccupazioni espresse dai Paesi emergenti, Draghi ha fatto un ulteriore passo avanti affermando quanto sia importante ascoltare, non frenando al contempo le ambizioni: “Le economie emergenti provano risentimento per i paesi ricchi, per quanto hanno inquinato in passato, e chiedono aiuti finanziari per essere sostenuti in questa transizione si chiedono anche se gli impegni che prenderemo siano davvero credibili, visti i nostri fallimenti precedenti. Dobbiamo ascoltare queste preoccupazioni e agire di conseguenza, ma non possiamo sacrificare la nostra ambizione collettiva”

Infine ha fatto notare come anche i privati debbano fare la loro parte nella lotta ai cambiamenti climatici: “I governi possono fissare obiettivi a breve e lungo termine e garantire stabilità politica, finanziaria e normativa. Ma non possono fare tutto le aziende private accelerano la diffusione delle tecnologie pulite, promuovono l’innovazione e promuovono la produzione su larga scala. Il finanziamento pubblico aiuta ad attrarre finanziamenti verdi e a ridurre i rischi per gli investimenti del settore privato. I partenariati pubblico-privati uniscono le due realtà. Dobbiamo sostenere le iniziative private che inseriscono priorità sociali e ambientali nei loro modelli di produzione”.

G20 Draghi Biden, Il Principe Carlo: “Le persone hanno il diritto di sapere se ciò che comprano è sostenibile”

Tra gli ospiti attesi al G20 è stato presente il Principe Carlo che nel corso del suo intervento ha dedicato ampio spazio alla sostenibilità, un particolare dal punto di vista del consumatore: “Circa 300 dei migliori amministratori delegati del mondo di ogni settore dell’economia, compresi i servizi finanziari, si sono uniti alla mia iniziativa a sostegno di Mercati Sostenibili (Smi) e hanno dimostrato quanto siano sensibili al modo in cui sia i consumatori, che controllano più del 60% del Pil globale, che gli azionisti stanno chiedendo cambiamenti nel modo in cui le imprese si comportano”.

Ha quindi aggiunto: “La moda è uno dei settori più inquinanti del mondo, ma questo nuovo Digital ID mostra come il business sia impegnato in un cambiamento significativo e misurabile: fornire ai clienti le informazioni di cui hanno bisogno per fare scelte più pulite, sane e sostenibili. Dimostra che il business non si limita a parlare di questi problemi, ma che è passato all’azione”.

G20 Draghi Biden, Di Maio: “Abbiamo un’enorme responsabilità nei confronti delle generazioni”

Intanto il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un post pubblicato su Facebook ha messo in evidenza come la responsabilità debba essere soprattutto nei confronti delle nuove generazioni: “Abbiamo un’enorme responsabilità nei confronti delle generazioni che ancora devono nascere”. Sono le parole del principe Carlo, intervenuto questa mattina al vertice G20 che si sta svolgendo a Roma. Proprio per questo motivo l’Italia sta dando il massimo sulla lotta agli stravolgimenti climatici, e dobbiamo essere sempre più ambiziosi. Il nostro impegno è evidente, ovviamente serve una spinta coraggiosa da parte di tutti i Paesi”.

G20 Draghi Biden, Macron: “Alcuni Stati Minacciavano la defezione”

Nel frattempo il Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron sentito dalla testata d’oltralpe Journal de Dimanche parlando degli incontri avvenuti al G20 in merito al clima: “Nelle ultime ore, alcuni Stati minacciavano la defezione. Ma c’è stato un lavoro diplomatico di due anni. E la cooperazione tra l’Europa, gli Usa e la Cina è stata assolutamente essenziale […] “E’ il momento a Roma di fare il massimo affinché i membri del G20 contribuiscano in modo utile alla Cop26 di Glasgow. Nulla è mai scritto prima di una Cop”.

G20 Draghi Biden, Papa Francesco: “E’ il momento di sognare in grande”

Infine Papa Francesco nel testo di prefazione della enciclica “Lardato sì reader” e pubblicato da “Il Corriere della Sera”, ha affermato che“è il momento di sognare in grande, di ripensare le nostre priorità e di ripianificare il nostro futuro, impegnandoci ad agire nella vita quotidiana in ciò che abbiamo sognato”. Ha infine concluso: “È ora di sviluppare una nuova forma di solidarietà universale che sia fondata sulla fratellanza, sull’amore, sulla comprensione reciproca: una solidarietà che valorizzi le persone più del profitto, che cerchi nuovi modi d’intendere sviluppo e progresso. E così, la mia speranza e la mia preghiera è che non usciamo da questa crisi uguali a quando vi siamo entrati!”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli