Prospettive cupe per ripresa globale - sondaggio World Economic Forum

·2 minuto per la lettura
Il logo dell'edizione del 2020 del World Economic Forum di Davos, in Svizzera

LONDRA (Reuters) - Solo uno su 10 dei membri del World Economic Forum (Wef) intervistati si aspetta che la ripresa globale acceleri nei prossimi tre anni e solo uno su sei è ottimista sulle prospettive mondiali.

È quanto emerge dal report annuale sui rischi del Wef che ha coinvolto quasi 1.000 leader aziendali, governativi e accademici.

Il cambiamento climatico è considerato il pericolo numero uno dagli intervistati, mentre il deterioramento della coesione sociale, le crisi dei mezzi di sussistenza e della salute mentale sono stati identificati come i rischi aumentati maggiormente dall'inizio della pandemia di Covid-19.

"I leader globali devono unire le forze e adottare un approccio coordinato per affrontare le incessanti sfide globali e aumentare la resilienza prima della prossima crisi", ha detto Saadia Zahidi, direttore generale del Wef.

Le condizioni atmosferiche estreme sono state considerate il principale rischio globale a breve termine insieme al fallimento degli interventi riguardanti il clima a medio e lungo termine - da due a 10 anni, secondo il sondaggio.

L'accordo frutto della conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP26 nel novembre scorso è stato ampiamente acclamato per aver mantenuto vive le speranze di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, ma molti dei quasi 200 Paesi partecipanti avrebbero voluto lasciare la conferenza di Glasgow con qualcosa di più.

Il cambiamento climatico è già considerato un fattore che contribuirà a condizioni meteorologiche più estreme.

"Il mancato intervento contro il cambiamento climatico potrebbe portare a un calo del Pil globale di un sesto e gli impegni presi alla Cop26 non sono ancora sufficienti per raggiungere l'obiettivo di 1,5 (gradi Celsius)", ha detto Peter Giger, group chief risk officer di Zurich Insurance, che ha contribuito alla compilazione del rapporto.

Il rapporto del Wef evidenzia anche quattro aree di rischio emergenti - la sicurezza informatica, una transizione climatica disordinata, le pressioni migratorie e la concorrenza nel settore spaziale.

La prospettiva di lanciare 70.000 satelliti nei prossimi decenni, oltre al turismo spaziale, solleva i rischi di collisioni e di aumento dei detriti nello spazio, in un contesto privo di reale regolamentazione.

"Chi governa lo spazio?" ha detto Carolina Klint, leader della gestione del rischio per l'Europa continentale presso il broker assicurativo Marsh, che ha contribuito al rapporto.

La relazione viene pubblicata ogni anno prima della riunione annuale del Wef a Davos. Tuttavia, il mese scorso il Wef di Ginevra ha posticipato l'evento di gennaio a metà del 2022 a causa della diffusione della variante Omicron del coronavirus.

Il rapporto è stato prodotto con la collaborazione di Zurich, Marsh McLennan e il SK Group della Corea del Sud, le università di Oxford e della Pennsylvania e l'Università Nazionale di Singapore.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli