#ProteoBrains2021: al via a maggio l’evento annuale della Link Campus University

·3 minuto per la lettura
proteobrains2021 link campus university
proteobrains2021 link campus university

Si rinnova il consueto appuntamento con #ProteoBrains, l’evento organizzato da “Generazione Proteo”, osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University che ogni anno chiama a raccolta gli studenti di tutta Italia per un confronto su tematiche quali la scuola, il lavoro, l’ambiente e via dicendo. In questa edizione, che si terrà dal 24 al 28 maggio 2021, il filo conduttore sarà quello del tempo, nelle sue diverse dimensioni: #pause, #play, #sto, #rewind e #forward. Tematica decisamente attuale, che si inserisce perfettamente nel contesto storico che stiamo attraversando e che offre diversi spunti di riflessione.

#ProteoBrains2021: anche quest’anno in forma virtuale

Come dichiarato nel comunicato stampa ufficiale della Università Link Campus University, #PROTEOBRAINS2021 prevede in questa edizione 5 digital talks, per esplorare l’universo giovanile nel nuovo contesto temporale della pandemia. Non ci si potrà incontrare di persona nei viali del Casale di San Pio V come da tradizione, ma proprio come era accaduto lo scorso anno l’evento si svolgerà in forma virtuale. Come dichiarato dal prof. Nicola Ferrigni, direttore dell’Osservatorio “Generazione Proteo”, questo però non deve essere vissuto come un limite. Può anzi rivelarsi un’occasione in più per approfondire i cambiamenti che hanno coinvolto i giovani nell’ultimo anno, segnato inevitabilmente dalla pandemia.

#ReTakeYourTime: il tempo come filo conduttore

#ReTakeYourTime: è questo il claim della nuova edizione di #ProteoBrains che non potrebbe essere più attuale di così. La pandemia infatti ci ha portati a riscoprire la centralità del tempo e ciò che dobbiamo fare adesso è riappropriarcene. È infatti proprio il concetto di tempo il filo conduttore dei 5 digital talk della nuova edizione di #ProteoBrains e sarà articolato nelle sue 5 differenti dimensioni:

  • #Pause invita a riflettere su come sia cambiata la percezione stessa del tempo durante la pandemia, che sembra averlo fermato, lasciato sospeso;

  • #Play rappresenta una sorta di inno alla vita, che prosegue nonostante il Covid;

  • #Stop è quel tempo che la pandemia ha fermato, cancellato, annullato;

  • #Rewind è un invito a riflettere su ciò che eravamo, sulle mancanze e le riscoperte avvenute nell’ultimo anno segnato dal Covid;

  • #Forward sarà infine un momento di riflessione sul futuro, sul tempo che ancora non c’è ma che verrà.

Un confronto a più voci tra studenti e influencer

Durante i digital talks gli studenti avranno la possibilità di confrontarsi con influencer, artisti, YouTuber, campioni dello sport e gli stessi docenti della Link Campus University. Sarà dunque un’occasione per sviluppare un dialogo a più voci e per osservare il tempo da angolazioni differenti perché ognuno, in quest’ultimo anno di pandemia, l’ha vissuto ed interpretato a suo modo. Come sempre, l’Osservatorio Proteo si farà portatore delle voci dei partecipanti presso istituzioni ed opinione pubblica.

Il dibattito non si svolgerà nel luogo tradizionale e per molti questo è un peccato, ma proprio per tale ragione la nuova edizione di #ProteoBrains avrà un valore aggiunto per tutti i giovani partecipanti. Imparare a cogliere le opportunità anziché abbattersi per ciò che la pandemia ci ha tolto, dopotutto, è un modo per riappropriarsi del tempo.