Proteste e disordini al carcere di Rebibbia a Roma

Proteste e disordini al carcere di Rebibbia a Roma

Roma, 9 mar. (askanews) – La via Tiburtina occupata da parenti dei detenuti. Le proteste del carcere di Rebibbia arrivano fin sulla via consolare con polizia e carabinieri che hanno dovuto faticare non poco per riportare tutto alla calma e permettere la sostanziale riapertura della strada. Ci sono stati momenti di tensione tra le forze dell’ordine e i familiari, soprattutto donne con figli al seguito.

Anche un elicottero è dovuto intervenire vista la presenza di fumo all’interno del muro di cinta di Rebibbia. Secondo alcune fonti potrebbero anche esserci state delle evasioni in seguito ai roghi appiccati in diversi bracci del penitenziario.

Ma non è l’unico istituto di pena laziale dove si registrano disordini: tensione anche a Regina Coeli e nel carcere di Viterbo. I motivi delle proteste che sono dilagate in almeno 27 istituti di pena in tutta Italia, sono legati al limite dei colloqui con i familiari, dovuti alle restrizioni per contenere il contagio per il coronavirus.