Proteste a Hong Kong: polizia sotto accusa per violenze stazione

Ihr

Roma, 22 lug. (askanews) - La polizia di Hong Kong è sotto accusa per il violento attacco perpetrato da individui, non meglio identificati, contro decine di attivisti pro-democrazia ieri in una stazione ferroviaria. Attacco con manganelli le cui immagini, riprese dalle telecamere di sorveglianza, hanno fatto il giro del mondo. Quarantacinque persone sono rimaste ferite, una è in condizioni critiche.

I deputati dell'opposizione puntano il dito contro l'inazione della polizia che ha permesso a questi "picchiatori" di agire indisturbati contro pacifici manifestanti dopo una marcia. Alcuni ipotizzano che gli aggressori della stazione siano legati a bande criminali note come triadi.

La polizia si difende affermando che le sue forze erano impegnate altrove in un ennesimo giorno di disordini. La numero uno di Hong Kong, Carrie Lam, ha descritto gli attacchi come "scioccanti". Ha anche condannato i manifestanti per aver imbrattato il principale ufficio di rappresentanza della Cina nella città.(Segue)