Proteste in Iran: Onu teme decine di morti, Amnesty oltre 100

Fth

Roma, 19 nov. (askanews) - Quattro giorni dopo i disordini scoppiati in molte città iraniane per il caro-benzina, oggi le Nazioni Unite hanno lanciato l'allarme affermando di temere "decine" di morti; e questo dopo che Amnesty International ha parlato di almeno 106 morti denunciando l'uso della "forza letale" contro raduni "in gran parte pacifici".

Mentre l'Iran è praticamente escluso dal mondo da sabato sera, il governo di Teheran ha avvertito che internet verrà ripristinata solo se ci sarà un ritorno duraturo alla calma. A causa del blackout della rete, la situazione rimane molto difficile da valutare in tutto il Paese. "Siamo particolarmente allarmati dal fatto che l'uso di munizioni vere abbia causato un numero significativo di decessi in tutto il Paese", ha dichiarato un portavoce dell'Ufficio dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani a Ginevra, Rupert Colville.(Segue)