Proteste pro Navalny, media di stato: numerose violenze su reporter

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 feb. (askanews) - Nella notte a Mosca, nelle proteste dopo la sentenza a carico di Aleksey Navalny condannato a 3 anni e mezzo in colonia penale, sei giornalisti sono stati arrestati e un blogger con una chiara indicazione "stampa" è stato ferito: così secondo il sito web dell'Unione dei giornalisti della Russia. "I corrispondenti di Rosbalt, Alexei Voloshinov e Stanislav Koryagin, sono stati arrestati. Sono stati portati alla stazione di polizia di Konkovo. Avevano con sé tutti i documenti e i giubbotti con la scritta "Stampa". Dopo l'intervento dell'Unione dei giornalisti russi, sono stati rilasciate Valeria Pozychanyuk e Anastasia Stogney, dipendenti di The Bell. I giornalisti sono stati rilasciati dal dipartimento di polizia ", dice il sito.

Le forze di sicurezza, secondo quanto riporta la agenzia di stato russa Ria Novosti, hanno colpito alla testa l'autore del canale RealView Fyodor Khudokormov con un manganello. Indossava un giubbotto giallo con scritto "stampa" e aveva l'attrezzatura in mano. Verrà effettuato un controllo ufficiale contro il dipendente di Rosgvardia che ha colpito il blogger.

"Il giornalista di Open Media Dmitry Nikitin, che stava coprendo l'azione di protesta, è stato arrestato. Rischia fino a 15 giorni di arresto", si osserva. La direttrice di Open Media, Yulia Yarosh, ha detto a Ria Novosti che Nikitin è stato detenuto a Bolshaya Dmitrovka, nel centro di Mosca, dove stava coprendo una manifestazione non autorizzata. Secondo lei, indossava un giubbotto stampa, "ma ha perso il suo accredito".

Successivamente, il canale Telegram della pubblicazione ha riferito che la polizia ha redatto un protocollo su Nikitin in per violazione dell'ordine su eventi di massa.