Proteste in tutta la Polonia, c’è chi dice no alla Polexit

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 ott. (askanews) - C'è chi dice no, non alla Ue ma al governo di Varsavia. Proteste in tutta la Polonia. Un week end a sostegno all'Unione europea dopo che la Corte Costituzionale del paese ha stabilito questa settimana che la costituzione polacca prevale sulle leggi dell'UE.

Migliaia di persone a Varsavia e in altre città hanno riempito le piazze nel centro storico. Critici contro il governo nazionalista di destra, i manifestanti temono che la sentenza del tribunale possa portare alla "Polexit" o alla Polonia costretta a lasciare l'UE per un apparente rifiuto delle leggi e dei valori del blocco.

Lech Walesa, che ha vinto il Premio Nobel per la pace per la sua opposizione al regime comunista polacco, ha parlato alla folla a Danzica, accompagnato dagli applausi.

Donald Tusk, il principale leader dell'opposizione in Polonia ed ex leader dell'UE, ha affermato che le politiche del partito Legge e giustizia (PiS) al governo stanno mettendo a repentaglio il futuro della Polonia in Europa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli