Protezione civile, Draghi: "Volontari forza silenziosa dell'Italia"

·1 minuto per la lettura

"Il Servizio nazionale della protezione civile da anni è fortemente impegnato sul fronte della prevenzione. Studia e analizza i fenomeni naturali. Individua gli interventi strutturali per ridurre i rischi sul territorio. Pianifica come meglio fronteggiare le calamità. Voglio ringraziare il Dipartimento della Protezione Civile, insieme a tutti gli altri organizzatori e promotori di questa giornata. E i tanti che hanno dedicato e dedicheranno oggi il proprio tempo e le proprie energie a questa importante iniziativa. Voi volontari siete la forza silenziosa dell'Italia, che risponde ogni volta che c'è bisogno. L'Italia vi ammira e oggi vuole imparare da voi". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, in un videomessaggio per l'iniziativa 'Io Non Rischio' della Protezione civile.

"Oggi i volontari della campagna 'Io Non Rischio' incontreranno i cittadini in oltre 300 Comuni e in 500 piazze digitali. È l'occasione per promuovere la conoscenza dei fenomeni naturali che colpiscono l'Italia, in particolare terremoti e alluvioni. E per illustrare le buone pratiche da adottare per ridurre i rischi" dice il presidente del Consiglio.

"Si tratta spesso di semplici accorgimenti: Cosa fare in caso di allerta. Come riconoscere un'area a rischio. Come rendere la propria casa più sicura. E come prepararsi a un'emergenza. Gesti piccoli, ma che possono salvare le vite. In Italia oltre il 90% dei Comuni ha aree esposte al pericolo di alluvioni e frane. Il 41% della popolazione risiede nelle zone a più elevata pericolosità sismica. I danni causati dalle catastrofi naturali non si possono azzerare, ma si possono ridurre e si possono gestire. Per farlo è necessario l'aiuto e la preparazione di tutti", sottolinea il premier.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli