Protocollo MIPAAF-Plasmon:raggiunte 24mila tonnellate di acquisti

featured 1617738
featured 1617738

Sabaudia (Latina), 9 giu. (askanews) – Superano la soglia delle 24mila tonnellate, nel 2021, gli acquisti di Plasmon dalla filiera italiana. Sfiorato, con quasi tre anni d’anticipo, l’obiettivo delle 25mila tonnellate, fissato nel 2019 attraverso il Protocollo d’intesa siglato con il Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MIPAAF). L’acquisto di 25mila tonnellate di materia prima 100% italiana è infatti il target da raggiungere entro il 2024.

“E’ un processo avviato, irreversibile. Questo vuol dire – afferma Luigi Cimmino Caserta, responsabile delle relazioni istituzionali Plasmon – che aldilà dell’obiettivo fissato insieme al ministero si prosegue e si va avanti. E questo è importante farlo come rete, sia con Coldiretti che con Filiera Italia, è u processo avviato e vorremmo cercare di capire come espanderlo anche all’estero”.

“Noi ci siamo proposti come catalizzatori che offre delle linee guida. Da una parte – aggiunge – i pediatri, dall’altro gli operatori della filiera e abbiamo proposto di poter lavorare a delle carte di servizi e dei progetti che possono avere una ricaduta verso la famiglia”.

L’impegno di Plasmon risponde anche a un importante bisogno informativo delle famiglie italiane, perché a fronte dell’acquisto di materia prima completamente italiana è stato apposto su tutte le confezioni di alimenti per l’infanzia dell’azienda un marchio di riconoscibilità “100% made in Italy”.

“Il Ministero – sottolinea il sottosegretario alle Politiche Agricole, Gian Marco Centinaio – aveva come obiettivo quello di valorizzare il made in Italy, di far sì che quando si parla di prima infanzia si parli di prodotti di qualità e della storia e della tradizione che fa grande il nostro made in Italy. Penso che quando con Palsmon si raggiungono questi obiettivi, noi come Ministero non possiamo che esserne soddisfatti”.

Centralità, per il governo, sui temi dell’alimentazione dei più piccoli. Tanto da promuovere un piano su questo tema.

“Un piano integrato che affronta su tre assi principali azioni di sistema di un paese che sceglie con convinzioni di rimettere al centro delle proprie politiche pubbliche l’attenzione, l’educazione alle nuove generazioni e farsi carico di costruire le necessarie allenze con il mondo dell’impresa, con mondo sanitario ed educativo per portarle a pieno compimento”, ha spiegato la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti.

Garantire il meglio dell’agroalimentare è anche l’obiettivo di Coldiretti.

Come spiega Ettore Prandini, Presidente Coldiretti .

“Garantire il meglio dell’agroalimentare e del cibo a queste nuove generazioni significa avere una grande attenzione anche in termini di risparmio economico per quanto riguarda la spesa sanitaria. La scommessa è ed è stata avere il migliore prodotto agroalimentare che l’Italia è in grado di poter offrire, essere trasformato da una realtà importante come Plasmon e poterlo offrire a tutti i bambini indipendetemente dalle fasce di reddito”.

I risultati circa l’attuazione del Protocollo d’Intesa Mipaaf-Plasmon sono stati annunciati nell’ambito di un importante workshop istituzionale sulla nutrizione per l’infanzia, rivolto ai giovani specializzandi in Pediatria provenienti da tutte le Scuole di Specializzazione d’Italia. L’evento si è svolto a Sabaudia, in provincia di Latina, dove si trova lo storico stabilimento produttivo di Plasmon: un brand iconico per la nutrizione dei più piccoli e un vero e proprio orgoglio del “made in Italy”, che quest’anno compie 120 anni di storia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli