Proud boys, arrestato leader pro Trump: ha bruciato striscione Black Lives Matter

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Enrique Tarrio, leader dei Proud Boys, gruppo dell'estrema destra americana che sta supportando la battaglia legale del presidente Donald Trump contro l'esito del voto delle presidenziali, è stato arrestato a Washington, dove era appena arrivato per il "grande raduno di protesta" convocato da Trump per il 6 gennaio, quando il Senato si riunirà per certificare i risultati del Collegio elettorale.

Tarrio, a quanto riporta il New York Times, è stato arrestato con l'accusa di distruzione di proprietà dalla polizia metropolitana perché sospettato di aver bruciato uno striscione Black Lives Matter strappato da una storica chiesa nera a Washington durante le proteste del mese scorso che hanno portato a diversi scontri, tra cui accoltellamenti, in giro per la città. Al momento del suo arresto è stato trovato in possesso di due caricatori di armi da fuoco.

Tarrio aveva rivendicato sui social e in un'intervista al Washington Post di aver bruciato la bandiera Black Lives Matter dalla Asbury United Methodist Church, una delle più antiche chiese nere di Washington, e che si sarebbe dichiarato colpevole di distruzione di proprietà se si fosse trovato di fronte a un'accusa penale: "Lascia che ti semplifichi", ha detto. "L'ho fatto".