Proust, 'Sinfonia digitale', omaggio al grande scrittore scomparso

(Adnkronos) - Una mostra digitale dal titolo Proust 100, con testi e audioguida di Ilaria Gaspari e le immagini della stanza dell’autore custodita al Musée Carnavalet di Parigi. Una raccolta di scatole della memoria rispolverate e condivise dagli utenti. Hypercritic celebra così il centenario della morte di Marcel Proust (18 novembre 2022) insieme con la pubblicazione in inglese dei primi due volumi di 'Alla ricerca del tempo perduto', il capolavoro della sua vita. Un’opera che con i suoi sette volumi e tremila pagine detiene il record di romanzo più lungo del mondo, caparbiamente voluto dal suo autore, che finanziò di tasca propria la pubblicazione del primo titolo, 'Dalla parte di Swann' e lavorò febbrilmente al suo scritto fino alla morte.

Un’impresa che intimidisce, per la sua mole, ma che è entrata nell’immaginario collettivo soprattutto per il meccanismo della memoria involontaria innescato dalla 'madeleine', un piccolo dolce lievitato inzuppato in una tisana di tiglio, da cui scaturisce la Recherche, riportando lo scrittore alla sua infanzia. Anche nel testo di Proust 100, Ilaria Gaspari lascia che siano gli oggetti a parlare. Lo scrittoio, il cappotto sdrucito, una lanterna magica, un telegramma. Scampoli di vita quotidiana che ognuno potrebbe ritrovare in casa e che per Marcel Proust si caricano del significato della ricerca di sé, attraverso la ricerca del tempo perduto - e poi ritrovato.

"In questi giorni, ricorrono i 100 anni dalla sua morte, e l'idea che davvero, Marcel Proust, nella sua casa di rue Hamelin, il 18 novembre 1922 non sia morto per sempre, non è mai apparsa tanto verosimile- spiega Ilaria Gaspari, esperta dello scrittore francese e autrice del podcast Chez Proust - La sua opera ci parla, forte e chiaro. Il suo mondo, grazie alle parole di quel romanzo monumentale, comunica costantemente con il nostro".