M5S-Pd, Renzi contro Gentiloni

webinfo@adnkronos.com

Mentre decolla la trattativa 'giallorossa', con le delegazioni di Pd e M5S pronte a incontrarsi oggi alle 14, spunta un audio che rischia di creare il caos. La voce è quella di Matteo Renzi. "Uno spin finalizzato a far saltare tutto" può portare alla conclusione che "non è detto che il Pd arrivi tutto unito alle elezioni", dice l'ex premier in due passaggi chiave della 'lezione' alla sua scuola di politica - pubblicato da Huffington Post - prendendosela con il suo successore a palazzo Chigi Paolo Gentiloni. L'attuale presidente del Pd avrebbe, secondo Renzi, fatto trapelare delle condizioni poste sul dialogo con i Cinque stelle -in realtà restandosene in silenzio al Colle- impostate in modo tale da rischiare di mandare a monte l'ipotesi del governo 'giallorosso'. 

"Così si mina il bel clima che abbiamo creato!". Renzi, con i ragazzi riuniti al 'Ciocco' per la scuola di formazione che si tiene in questi giorni, ha voluto chiudere con qualche semplice battuta la questione dell'audio diffuso stamattina e 'rubato' sempre dal 'Ciocco' in cui lo stesso senatore del Pd parla della trattativa di governo, dei 3 punti posti da Zingaretti e del ruolo svolto Paolo Gentiloni. Il senatore dem, nelle lezioni di stamattina che si tengono sempre a porte chiuse, ha scherzosamente rimproverato i ragazzi per aver registrato e diffuso l'audio. E ha spiegato: "Non ho nessun timore a dire apertamente quello che penso. Io, poi, ho sempre difeso lo streaming. Sono altri che hanno cambiato idea...". 

"Tutti gli italiani, padri e madri di famiglia che hanno dato il voto un anno e mezzo fa, devono poter dire: non è stata una legislatura lunghissima, non è stata fortunata, ma almeno abbiamo tagliato il numero dei parlamentari", è il commento del vicepremier Luigi Di Maio che aggiunge: "Io questo non lo dico per lanciare un messaggio a qualcuno, però, se già stamattina vedo che partono le guerre interne alle forze politiche, gli audio da una parte, i tweet da una parte e i post dall'altra... gli italiani vogliono il taglio dei parlamentari, non gli risolverà i problemi di tutta la vita ma è un obiettivo di questa legislatura".  

"In questo audio Renzi parla di me e di Alessandro Di Battista come 'quelli che vogliono far saltare la (sua) trattativa'. Orgoglioso di stare sempre dalla parte opposta di Renzi", scrive su Facebook Gianluigi Paragone, senatore del M5S, condividendo l'articolo di 'Repubblica' che riporta le parole dell'ex segretario dem contro Gentiloni.