Prove di distensione fra Biden e Xi Jinping al G20 a Bali

featured 1670657
featured 1670657

Bali (Indonesia), 14 nov. (askanews) – Prove di distensione sull’asse Washington-Pechino. È cominciato con una storica stretta di mano l’incontro fra il presidente americano Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping a Bali, in Indonesia, alla vigilia del G20. I due leader si sono incontrati dopo mesi di trattative riservate e tensioni sulla guerra russia-ucraina e sulla questione di Taiwan.

Un incontro di circa tre ore nel quale sono stati toccati diversi argomenti. Un no congiunto all’uso del nucleare in Ucraina, e uno sforzo comune per la pace in Europa, fanno sapere i team, sono stati alcuni dei passaggi della discussione, durante la quale entrambe le parti hanno ribadito il loro ruolo di super potenze responsabili di indicare una direzione.

“Il mondo si aspetta – ha detto Biden – che la Cina e gli Stati Uniti svolgano ruoli chiave e indirizzino le sfide globali, dai cambiamenti climatici al cibo e alla sicurezza. Gli Stati Uniti sono pronti a farlo insieme, se lo desiderate.

Quindi, Presidente Xi, auspico un dialogo aperto, onesto e continuo come abbiamo sempre avuto”.

“L’attuale situazione che le relazioni fra Cina e Stati Uniti stanno affrontando preoccupa tutti noi. Questa situazione non è in linea con gli interessi dei nostri popoli, né soddisfa le aspettative della società internazionale”, ha aggiunto Xi. “Noi, come leader di Cina e Stati Uniti, dovremmo svolgere un ruolo nel guidare e impostare il percorso in modo da trovare la giusta direzione per lo sviluppo delle relazioni tra i nostri due Paesi”.

I due capi di Stato erano accompagnati dai vertici dei rispettivi Stati. Nella delegazione di Biden, presenti fra gli altri, il segretario di Stato, Anthony Blinken, e il segretario al Tesoro Janet Yellen. Con XI Jinping il capo di gabinetto del presidente Ding Xuexiang e il ministro degli Esteri, Wang Yi. Biden e Xi si sono incontrati più volte quando entrambi erano numero due nei loro paesi.