Puglia, approvato il piano regionale per il diritto allo studio

red/Rus

Roma, 6 ago. (askanews) - Approvato il piano regionale per il Diritto allo studio per l'anno 2019. La Giunta regionale, su proposta dell'Assessore all'Istruzione Sebastiano Leo ha deliberato il riparto dei contributi di cui alla Legge Regionale n. 31 del 4.12.2009 "Norme regionali per l'esercizio del diritto all'istruzione e alla formazione". Si tratta di uno stanziamento complessivo di 10milioni e 800mila euro, destinato ad interventi di primaria importanza finalizzati alla promozione e al sostegno di azioni volte a rendere effettivo il diritto allo studio degli alunni pugliesi di ogni ordine e grado (98.236 frequentanti le scuole dell'infanzia statali e paritarie; 179.052 frequentanti le primarie; 119.661 frequentanti le secondarie di 1° grado; 205.410 frequentanti le scuole di 2° grado). Tenendo conto delle risorse regionali disponibili e dei programmi comunali predisposti sulla base di apposita circolare della Sezione Istruzione e Università, che ha definito gli ambiti e le tipologie di interventi finanziabili fra quelli previsti dalla legge, sono stati concessi contributi per il servizio mensa, servizio trasporto, interventi vari, gestione scuole dell'infanzia paritarie senza fini di lucro convenzionate con i Comuni, acquisto scuolabus e interventi straordinari. In particolare, per la mensa scolastica è stato previsto il contributo di euro 0,45 per ogni pasto preventivato dai Comuni, per un massimo di 180 giorni. L'importo totale assegnato per il servizio gestito dai Comuni ammonta a 6.018.354 euro, mentre quello assegnato per il servizio mensa svolto nelle scuole dell'infanzia paritarie convenzionate con i Comuni ammonta a 553.272 euro.(Segue)