Puglia, Bellanova: no a Emiliano, è il peggiore notabilato

Gal

Roma, 2 feb. (askanews) - "Come partito nazionale vogliamo parlare di Nord e di Sud: al Sud non serve l'articolo 18 o il reddito di cittadinanza, ma un cambio di classe dirigente, quando diciamo no a Emiliano non poniamo un problema personale ma una valutazione politica. Diciamo no al trasformismo, alla demagogia, al peggiore notabilato meridionale". Lo ha detto Teresa Bellanova all'assemblea nazionale di Italia viva.

"Diciamo riflettete: volete tornare a fare l'acciaio di Stato? Taranto è stata inquinata pesantemente quando Ilva era azienda di Stato, diciamo no a Emiliano per la sanità, è vergognoso che un presidente di regione si sieda davanti a ragazzi che firmano un contratto dopo 15-20 anni precariato, il lavoro è un diritto sempre. L'agricoltura: 142 milioni di euro rimasti nelle casse della regione, gli imprenditori non li hanno avuti nei tempi giusti".

"Cari amici del Pd - ha concluso Bellanova - volete stare con la concezione proprietaria di Emiliano e candidarvi a perdere anche quando vincete perchè quello è il peggiore populismo".