Puglia, calci e pugni a 2 medici in Pronto soccorso: fermato

Sav

Roma, 10 set. (askanews) - Due dirigenti medici in servizio al Pronto Soccorso di Molfetta (Bari) sono stati aggrediti con calci e pugni da un uomo che aveva portato in ospedale il figlio di 4 anni. L'uomo ha dato in escandescenza e scagliandosi anche contro le suppellettili d'arredo del Pronto Soccorso, sollevando una scrivania e facendo cadere a terra il computer. È stato poi fermato dai carabinieri e portato in caserma.

Questa mattina, spiega in una nota la Asl di Bari, il bambino è arrivato in Pronto soccorso accompagnato dai genitori. Dopo una prima valutazione da parte dei Sanitari il bambino è stato inviato a consulenza pediatrica all'Ambulatorio di Pediatria dello stesso nosocomio. Dopo la valutazione pediatrica, il minore è stato ricondotto in Pronto Soccorso per un trasferimento in un'altra sede per gli approfondimenti clinico-diagnostici del caso ed eventuale ricovero.

Mentre il personale sanitario prestava l'assistenza del caso al piccolo e predisponeva il trasferimento nell'altra struttura, preventivamente contattata e idonea all'accoglienza del bambino, il padre ha cominciato ad inveire pesantemente contro i presenti, accusando i medici di perdere tempo prezioso e minacciandoli duramente.

(Segue)