Puglia, Pagano (Pd): centrosinistra separato regalo ai sovranisti

Rea

Roma, 21 giu. (askanews) - "Chi oggi parla di 'populismo', molto spesso lo stesso che ha perso ogni genere di contatto con la realt delle persone per rifugiarsi nei salotti buoni. Se populismo vuol dire ascoltare e stare tra la gente, allora sono fieramente populista anche io". Lo dichiara Ubaldo Pagano, deputato Pd e membro della commissione Bilancio della Camera, dopo che Ivan Scalfarotto ha annunciato che si candider in Puglia contro Michele Emiliano.

"Le elezioni regionali saranno un banco di prova per capire chi davvero interessato a costruire un progetto comune per il futuro del nostro Paese e chi sfrutta cinicamente le alleanze per colpire i suoi nemici immaginari. Di fronte agli scenari che viviamo, si dovrebbe decidere tutti insieme di schierarsi per l'unit al fronte contro i sovranismi e invece alcuni preferiscono rianimare le ambizioni delle destre pur di consumare le proprie vendette personali. Tra Renzi ed Emiliano - continua Pagano- ci sono state solo contrapposizioni politiche. Molti di quelli che si riempivano la bocca (ed i post) con i #senzadime, hanno ingoiato il rospo del governo con i 5 stelle e non provano vergogna nel parlare di contrasto alla 'decrescita felice' dimenticandosi di far parte di un esecutivo guidato da un esponente di quella stessa forza politica. Invece di cogliere l'opportunit di uscire dal culto del proprio interesse particolare, purtroppo, si sceglie ancora una volta di farsi del male con la speranza di consumare vendette personali. Ovviamente talmente priva di senso questa fuga verso il nulla, che i pugliesi lo sanno benissimo e stanno gi reagendo a questo dispettuccio".