Puglia, ragazza di 25 anni fora e accosta: due giovani la aiutano e tentano di violentarla

·1 minuto per la lettura
Ragazza fora e accosta
Ragazza fora e accosta

Paura in Puglia, dove una ragazza di 25 anni che intorno all’una di notte stava tornando a casa ha forato una gomma per poi accostarsi al ciglio della strada: due ragazzi, che prima l’hanno aiutata, hanno tentato di violentarla per poi scappare all’arrivo di altre macchine.

Ragazza fora e accosta: tentata violenza

La giovane stava percorrendo la strada che collega Alezio a Gallipoli quando si è accorta di aver forato una gomma. Ha così accostato sul ciglio della strada quando, dopo pochi minuti, l’hanno raggiunta due ragazzi che si sono inizialmente mostrati gentili e si sono offerti di sostituire lo pneumatico.

Ben presto però il loro atteggiamento è radicalmente cambiato e hanno iniziato a fare delle avances sempre più spinte arrivando anche ad un tentativo di violenza sessuale. Hanno infatti trascinato la ragazza nel retro dell’auto e, mentre uno la teneva ferma, l’altro ha tentato di aprirle le gambe nonostante il suo esplicito rifiuto.

Mentre lei tentava disperatamente di divincolarsi, i due sono anche riusciti a strapparle gli indumenti compresa la biancheria intima. A salvarla dall’incubo è stato il passaggio di altre auto lungo la strada, che ha probabilmente spaventato i ragazzi facendoli preoccupare che qualcuno scoprisse ciò che stavano facendo. Si sono così allontanati in fretta e furia facendo disperdere le loro tracce.

Ragazza fora e accosta, tentata violenza: indagini in corso

La mattina seguente la giovane, a cui in ospedale sono stati riscontrati graffi al collo e alle gambe, si è recata in commissariato per sporgere denuncia ai Carabinieri. Costoro hanno acquisito i filmati delle telecamere di sicurezza piazzate lungo l’intera strada e tenteranno di risalire all’indentità degli assalitori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli