Pupo: "Soffro di follia egocentrica. La mia vita? Più spericolata di quella di Vasco"

HuffPost

“Avevo fama, donne e denaro in quantità. Droga e alcol a parte, non mi sono risparmiato niente. Ho fatto più eccessi io che Vasco Rossi”: con queste parole Enzo Ghinazzi, noto come Pupo, si racconta in un’intervista a La Stampa. Il cantante, conduttore ed opinionista in tv è stato marito e compagno di due donne contemporaneamente, è stato ricco, povero e di nuovo ricco: “A 25 anni ero miliardario, a 40 indigente con i mobili, gli strumenti musicali e le case pignorati”. 

“Sono caduto e mi sono rialzato tante volte. Non è un vanto, sia chiaro, però mi dà orgoglio essermi riscattato. Oggi sono una persona consapevole e in equilibrio. Ma mi guardo attorno e vedo troppa mediocrità, a partire dalla politica”.

Pupo afferma che oggi i politici non si sporcano le mani, “dichiarano e basta”. Lui, invece, nella vita ci si è immerso.

“Non mi sono mai definito cantante. Non sono un cantante, la mia voce può anche non piacere. Sono un uomo di comunicazione, anche se ho la terza media. Ho avuto la forza di non diventare un revival vivente come tanti miei colleghi”.

 Opinionista al Grande Fratello, dice di aver scelto di partecipare per “la curiosità di andare a confrontarmi con queste miserie umane, e lo dico con affetto per questi ragazzi. Culturalmente la stupidità è meravigliosa, anche la mia, eh. Visto che il panorama degli opinionisti tv è abbastanza imbarazzante ho pensato che avrei fatto bella figura”. 

Alla Stampa ha parlato anche della sua vita sentimentale.

“Sono piccolo ma mi vedo alto. Mi vedo bello. Soffro di follia egocentrica e quindi devo lavorare per contenerla. Amo due donne ma non si può strategicamente impostare una vita sentimentale. Mai avrei pensato di convivere per trent’anni con due donne. E’ accaduto che tre persone si sono incontrate e invece di fare come il 90% dei ragazzi di oggi che alla prima difficoltà si arrendono, hanno deciso di non distruggere. Oggi raccolgono frutti che le persone ‘normali’...

Continua a leggere su HuffPost